“Lo dico con la certezza di aver convissuto con lui per un anno giocando ogni giorno come suo sostituto. Un giorno Pelé saltò circa due metri e fece un passaggio di petto di 20 metri che smarcò un compagno. Nessuno mai è stato forte come Pelè". Il dibattito sul giocatore più forte di tutti i tempi non finisce mai ma che a mettere sul gradino più alto sia Luis Cesar Menotti, ex ct dell'Argentina campione del mondo nel '78 e che ha allenato anche Maradona, stupisce. Parlando a Radio Splendid Menotti dice

“Non si può paragonare a nessuno Pelè, è impossibile. Se c'è uno che, se giocasse oggi, vincerebbe le partite da solo. Quello è Pelé. Poi abbiamo Diego (Maradona), Cruijff, Di Stefano e ora Messi, ma Pelé era un'altra cosa".

Anomalo che anche un altro ex ct dell'Albiceleste, Alfio Basile, che peraltro ha avuto il privilegio di dirigere Messi e Maradona, nei loro diversi periodi alla guida della Nazionale, metta Pelè avanti ai due fenomeni argentini: “Il 'Nero' Pelé era straordinario... Aveva tutto, destro e sinistro, dribblava con entrambi i piedi, era bello. Restava sospeso in aria, quando si abbassava ti infrangeva la porta con un tiro al volo».

Trap compie 85 anni, gli auguri di Aldo Serena commuovono il web
Scudetto Napoli: cosa dicono i pronostici