Stanno facendo rumore le parole di Thuram, dal ritiro della nazionale francese, sul caso razzismo che vede coinvolto il suo compagno di squadra Acerbi dopo le accuse rivoltegli da Juan Jesus. L'attaccante nerazzurro non ha attaccato direttamente il difensore ma ha detto: Razzismo in campo? Sono d’accordo con Maignan, dobbiamo lasciare il campo in questi casi. Dobbiamo battere i pugni sul tavolo per far capire che questo è inaccettabile. Acerbi? Giusto che abbia lasciato la nazionale. Quando c’è una procedura così grave in corso, il giocatore deve rimanere al club per difendersi e per dire ciò che è successo".

Fioccano le reazioni sui social: "Su Acerbi sinceramente mi vergognerei …per mancanza di rispetto x i suoi compagni di squadra (vedi Thuram, Bissek, Dumfries ect..)quindi lo caccerei fuori squadra…altro che “deve rimanere"...". Oppure: "La differenza tra maignan e JJ è che contro maignan l'han sentito tutti mentre con JJ ci sono uno contro l'altro"

C'è chi osserva: "Sono andati da Thuram per cercare di creare criticità nello spogliatoio dell'Inter?m Potevano parlare con Maignan, sempre francese e nello stesso ritiro, tra l'altro vittima di cori razzisti, invece no, sono andati da Thuram..." e infine: "L' Inter è l'unica società di calcio che dal 1908 ha accolto felicemente tra le sue file fior di campioni di varie etnie in barba al razzismo. Guarda caso, oggi capolista, tutti contro e...anche tu bruto, figlio mio! Juan Jesus"

Roma: Trani duro dopo intervento Totti su Dybala e società
Scudetto Napoli: cosa dicono i pronostici