Nonostante il caso si sia ufficialmente chiuso con l'assoluzione di Francesco Acerbi, il polverone sulle presunte offese razziste indirizzata a Juan Jesus non accenna a placarsi. Fabio Caressa è tornato sull'argomento a Radio Deejay, con queste parole:

A prescindere da quello che è successo, è incivile che Acerbi e la sua famiglia ricevano certi tipi di messaggi.

Sono rimaste però delle domande irrisolte: nella sentenza c’è scritto che è stata fatta un’offesa, ma non sappiamo quale. Io credo che forse dovevano essere pubblicate le dichiarazioni ufficiali di Acerbi e Juan Jesus.

L’importante è che non ritorni il concetto che le cose in campo devono rimanere in campo, non siamo più nel Medioevo.

Lazio-Juventus, formazioni ufficiali: la sorpresa di Allegri in difesa
Scudetto Napoli: cosa dicono i pronostici