Ieri sera l'Atalanta ha fatto nuovamente i conti con la delusione di una finale persa, ancora una volta contro la Juventus, proprio come già avvenuto a Reggio Emilia nel 2021, quando cadde sotto i colpi di Kulusevski e Chiesa. Per la Dea si tratta della terza finale di Coppa Italia persa negli ultimi sei anni, una tradizione negativa inaugurata nel 2019, quando la compagine bergamasca perse 2-0 contro la Lazio allora allenata da Simone Inzaghi.

Nonostante una lunga serie di risultati storici, sia in Italia che in Europa, all'Atalanta di Gasperini continua quindi a mancare l'ultimo tassello, quel trofeo che renderebbe ancora più leggendario un ciclo di per sé già straordinario. Grazie a uno stile di gioco audace e offensivo, sotto la guida del 66enne tecnico piemontese l'Atalanta è passata dall'essere una squadra di medio-bassa classifica a diventare ormai a tutti gli effetti una big del calcio italiano e un'importante realtà di quello europeo. Per la consacrazione definitiva, però, manca soltanto un ultimo step: invertire la tradizione sfavorevole nelle finali.

Per fortuna gli uomini del Gasp avranno subito la possibilità di rifarsi, già a partire da mercoledì prossimo quando affronteranno a Dublino il Bayer Leverkusen nella finale di Europa League. E chissà che quel trofeo tanto agognato non possa arrivare proprio nella serata più attesa dai tifosi nerazzurri...

Alberto Farinone

Gli integratori alimentari e la nutrizione sportiva
Stankovic riparte dalla Russia: è il nuovo tecnico dello Spartak Mosca

Direttore responsabile: Cosimo Bisci
Redazione: Via Mariani, 8 - Cernusco sul Naviglio - 20063 
Editore: Contenuti Digitali S.r.l. - C.F. e P.I. 04012790616
Sede legale: Via Verdi, 3 - Pietramelara - 81051

Powered by Slyvi