Mazzata in arrivo per Steven Zhang. Secondo quanto riportato da Calcio e Finanza, infatti, la Corte d'Appello di Milano ha accolto il ricorso di China Construction, decidendo di svolgere la sentenza del Tribunale di Hong Kong alla causa legata ai 320 milioni di euro non pagati da Steven Zhang. In parole povere, la stessa Corte avrebbe spiegato che i creditori dell'attuale Presidente dell'Inter non hanno al momento: "Indicato né quali beni del resistente intende aggredire, né ove, in ipotesi, detti beni si trovino, ma è altresì vero che la presenza degli stessi nel territorio della Corte milanese la si desume dal ruolo e dalla carica. Sussistendo pertanto tutti i presupposti di cui all’art. 64 L. 218/95, la domanda deve essere accolta. Le spese di lite, liquidate con il ricorso ai criteri della causa di valore indeterminabile di bassa complessità e con esclusione della fase istruttoria, non svoltasi, devono essere poste a carico della resistente". 

Situazione quindi drammatica in casa nerazzurra con il club nerazzurro che a fine stagione sarà prelevato dal fondo Oakthree con il numero uno Steven Zhang che molto probabilmente lascerà tutto nelle mani della società a stelle e strisce. 

Juve, Arthur torna in bianconero ma il futuro è incerto
Scudetto Napoli: cosa dicono i pronostici