"Sono contento che la Juventus sia venuta in difesa di Allegri. Hanno fatto quello che io ho fatto con Carlo Ancelotti all'epoca". Luciano Moggi ha parlato ai microfoni di Radiobianconera durante la trasmissione 'Cose di Calcio' dicendo:

"Sono soddisfatto di quello che ha fatto la Juventus, perché hanno detto che Allegri sta sviluppando giovani giocatori che possono essere la base della squadra in futuro. Hanno anche ricordato che la Juventus è attualmente terza in classifica e ha fissato l'obiettivo di vincere la Coppa Italia. Questa è la strada da seguire. uesta animosità nei confronti di Allegri mi ricorda quello che è successo durante il periodo di Sarri. I tifosi dicevano che se avessimo continuato con lui, non sarebbero più andati allo stadio. Tuttavia, nel frattempo, ci andavano lo stesso. Ci sono pochi amici della Juventus. Io sono uno di loro. Molti di quelli che criticano dovrebbero sperare che la Juventus faccia bene, invece di dare consigli di mercato senza conoscere le dinamiche di uno spogliatoio, Tuttavia, alla fine dell'anno, le cose potrebbero cambiare. Ci si aspetta che la Juventus vinca sempre grazie alla sua storia e alla sua tradizione, ma c'è un limite a tutto. Quando la Juventus tornerà ad essere una squadra vincente? Questo è un problema ancora lontano. La Juventus è indietro in termini di risultati, ma non rispetto ad altre squadre. Il calcio italiano è buono solo per noi. Quando competiamo a livello internazionale, le nostre squadre vengono battute e rimandate indietro."

Maresca per Fiorentina-Milan, scelto l'arbitro per Lazio-Juventus
Scudetto Napoli: cosa dicono i pronostici