Mario Hermoso esulta con la maglia dell'Atletico Madrid
Mario Hermoso esulta

I giocatori svincolati possono rappresentare delle opportunità importanti per i club di serie A, ma dietro quella dicitura “parametro zero” si nascondono spese importanti per i club. A fare chiarezza sull’argomento ci pensa il quotidiano Libero che rivela i motivi che hanno portato l’Inter a rinunciare al giocatore dell’Atletico Madrid, Mario Hermoso.

Il vero costo di Mario Hermoso

Hermoso sembrava rappresentare un’occasione perfetta per l’Inter di Simone Inzaghi. Giocatore di buona esperienza, terzo in difesa di piede mancino e adatto a giocare nella difesa a 3 dopo un anno in cui è stato titolare con la maglia dell’Atletico Madrid. Inoltre il fatto di essere un parametro zero lo rendeva ancora più appetibile. Invece a fare i conti ci pensa Libero che scrive: “Prendendolo l’Inter potrebbe otturare lo spazio a bilancio per altri interventi in rosa ritenuti più importanti della riserva di Bastoni. Nel concreto, se l’Inter concedesse un contratto d 4 milioni netti per tre anni, Hermoso costerebbe 25 milioni lordi, quindi più di 8 l’anno. Se l’Inter strappasse il sì a Ricardo Rodriguez per un solo anno di contratto a 1,15 milioni netti, il costo da iscrivere nel prossimo bilancio sarebbe di circa 3 milioni lordi”.

Hermoso o Rodriguez: i tifosi prendono posizione

Sebbene negli ultimi anni anche i tifosi abbiano assunto sempre di più il ruolo di “ragionieri” prestando grande attenzione alle logiche di bilancio, quando si parla di mercato è sempre lecito sognare. “Le poche e le strade del mercato sono infinite ma in quale universo Hermoso non viene preso perché vecchio e Rodriguez sì?”. E ancora: “Voglio capire dove nasce questa idea Rodriguez che l’anno prossimo avrà 32 anni e già dovrei sostituire anche De Vrij e Acerbi”. E ancora: “Vi prego piuttosto mi riprendo Dalber ma non questo brocco clamoroso. Sempre ritenuto uno dei più scarsi della serie A”.  

Ravezzani distrugge l'incoerente Adani e sul web è subito polemica
Milan, il sogno si chiama Arda Guler: ecco come può arrivare