Sport E Vai  Sport e Vai
Mercoledì 12 Giugno 2024
SEGUI SPORTEVAI SU

Juventus, Fagioli confessa come è iniziato il suo dramma: la vergogna e l'incubo

30/05/2024 08:57

Juventus, Fagioli confessa come è iniziato il suo dramma: la vergogna e l'incubo |  Sport e Vai

E' tornato a giocare, a vivere, a correre come gli altri. E' stato anche pre-convocato da Spalletti nella lista degli Europei ma Niccolò Fagioli non ha ancora messo una pietra sopra su questi mesi da incubo e sul dramma della ludopatia di cui è affetto. Il centrocampista della Juventus si confessa alla Gazzetta dello sport, rivela come e perchè ha iniziato a scommettere e come sia stata una liberazione essere stato scoperto e poi squalificato.

Fagioli ricorda le lacrime col Sassuolo

C'è un episodio che colpì tutti mesi fa, ovvero le sue lacrime dopo una sostituzione nella gara col Sassuolo. Fagioli ricorda: "Quando sono scoppiato a piangere, nella partita con il Sassuolo, non era solo per aver messo in difficoltà la mia squadra, ma perché in quel momento è scesa una cappa nera, tutto mi sembrava negativo, tutto scuro. Avevo sbagliato un pallone, ma il mio errore più grave era dentro di me. Il problema è che non ero più padrone di me stesso. Il gioco mi aveva divorato la vita, era diventato un assillo, un incubo. Lo so che sono un ragazzo fortunato, che ci sono miei coetanei in condizioni più drammatiche della mia, che non ho titolo per invocare comprensione. Ma non voglio neanche essere ipocrita. Sono stato inghiottito da un vuoto che non guarda in faccia nessuno,  non distingue per classe sociale, non premia né assolve in base al talento. Mi sentivo soffocare ma non trovavo il modo di venirne fuori".

Come è cominciato il vizio di scommettere

Il giocatore rivela quando è iniziato il suo dramma: "È cominciato tutto come  un gioco. Scommettevo, tanto, ma non sulla mia squadra o su di me. Non volevo violare dei principi ai quali credo. So che sembra grottesco che io usi questa parola, ma per me è importante. Pensavo che giocare al calcio e alle scommesse, se le due rette non si incrociavano, non fosse grave.  Non ho fatto male allo sport, non ho condizionato risultati o leso diritti di altri".

"Quando finiscono le 4-5 ore di allenamento, ti si spalanca il vuoto. Se non hai altri interessi,  quell’abisso ti attira. Io mi annoiavo, sembra assurdo ma è così. Il successo non è un’armatura che resiste alla solitudine, non ti consente, come una corazza, di far rimbalzare le coltellate del tempo vuoto. Pensi a quanti attori, scrittori, musicisti sono precipitati in dipendenze ancora più letali. La noia mi ha rovinato la vita.  Non ne ho mai parlato con nessuno perché mi vergognavo. Ho perso completamente il controllo di me stesso nel gennaio 2023. Giocavo male, mi allenavo peggio. La testa era altrove. Mi faceva schifo quello che stavo vivendo, ma non potevo farne a meno. Il centro della mia vita erano le scommesse, non più il calcio. Mi sentivo capovolto. Se sbagliavo un passaggio, mi dicevo che la colpa era di quell’ossessione".

La liberazione e la confessione

Quando è stato indagato e poi squalificato è iniziata la vera rinascita di Fagioli: "Una liberazione. Quel tornado, che mi ha sbattuto con le spalle al muro, mi ha costretto a diventare adulto o comunque più responsabile. Ho iniziato una terapia psicologica con il professor Jarre. Sto guardandomi dentro per cercare le ragioni, per capire perché non avessi antidoti al vuoto e alla noia. Quando la polizia è venuta a casa, io ero stato operato da due giorni, ho chiamato mia madre. Potevo non nascondere più, perché non potevo più nascondere. Io ho fatto male solo a me stesso. Non ho truccato partite, non ho condizionato risultati. Ho sbagliato, giocando su siti illegali e ho perso un sacco di soldi. Perché lo so, ma lo sapevo anche allora, che con quei giochi si perde e basta. E non solo denaro. Mi facevo schifo, mi sentivo un cretino. Ma non potevo farne a meno. Sarei un bugiardo se dicessi che non riaffiora quell'idea, che non fa sentire ogni tanto il suo canto seducente. Ma ora lo domino pensando semplicemente a quanto male mi ha fatto. E so che non esiste “lo faccio una volta sola” perché quella biscia ti avvinghia e non ti molla più. Penso ora che il gioco sia una cosa da sfigati".


Tags: juventus scommesse fagioli

Articoli Correlati