Sport E Vai  Sport e Vai
Martedì 27 Febbraio 2024
SEGUI SPORTEVAI SU

Nadal: Mi spiace che Federer salti Cincinnati ma che gioia tornare n.1

15/08/2017 14:01

Nadal: Mi spiace che Federer salti Cincinnati ma che gioia tornare n.1 |  Sport e Vai

Lunedì prossimo, 21 agosto, Rafael Nadal tornerà ad occupare la prima posizione del ranking Atp, per la quarta volta in carriera, riprendendosi dopo poco più di 3 anni lo scettro mondiale toltogli da Djokovic dopo il secondo trionfo a Wimbledon del serbo: per lui sarà la 142esima settimana al vertice. Rafa infatti è stato al comando del ranking mondiale già per 141 settimane suddivise in tre trance (46, 56, 39) tra il 18 agosto del 2008 ed il 6 luglio del 2014. Nadal, con 31 anni, 2 mesi e 18 giorni sarà il terzo più "vecchio" numero 1 nell'Era Open dopo Andre Agassi (33 anni, 4 mesi, 9 giorni) e Roger Federer (31 anni, 2 mesi, 27 giorni). Lo spagnolo tornerà in vetta 9 anni (e 3 giorni) dopo la “prima volta”: battuto il record di Jimmy Connors numero uno (3 luglio 1983) 8 anni, 11 mesi e 4 giorni dopo la prima volta (29 luglio 1974).
E del resto in questa stagione Nadal è quello che ha vinto più partite di tutti, 47 (una più del Nex Gen rampante Sascha Zverev), contro 8 sconfitte. Ma il numero più importante per Rafa non è riportato da nessuna statistica. E’ quello delle sue “vite sportive”: tutte le volte che è stato capace di tornare, più forte di prima.  In questo 2017 Rafa è quello che ha vinto più match di tutti (47): il maiorchino ha perso tre volte da Federer (compresa la fantastica finale degli Australian Open), ed una ciascuno da Raonic, Querrey, Thiem, Muller e Shapovalov. Proprio queste ultime due sconfitte - contro il lussemburghese negli ottavi di Wimbledon e contro il Next Gen canadese in quelli di Montral - avevano un po’ complicato la scalata al trono di Nadal, lanciatissimo dopo l’impresa di Parigi dove Rafa è diventato il primo tennista dell’Era Open ad aver vinto per dieci volte lo stesso Slam (15 il totale dei trofei Major conquistati, preceduto nella speciale classifica solo da Roger Federer con 19), dopo aver fatto le “prove generali” nel “1000” di Monte-Carlo e nel “500” di Barcellona. La questione leadership mondiale, però, è tutt’altro che archiviata: se la schiena di Federer tornerà a posto, infatti, da qui a fine anno - a cominciare proprio dagli Us OIpen - sarà battaglia, come lo scorso anno tra Murray e Djokovic. - "Ovviamente il fatto che non ci sia Roger non è una buona notizia per il torneo” - ha commentato Rafa dopo il forfait del rivale a Cincinnati, che di fatto gli ha consegnato lo scettro mondiale -. ”Per me ritornare ad essere al numero 1 rappresenta qualcosa di davvero speciale. Sono accadute tante cose dall’ultima volta in cui ho occupato quella posizione. Infortuni, momenti difficili, ma io ho sempre avuto la passione e l’amore per il tennis ed è per questo che ho avuto ancora la chance di tornare in vetta. Voglio godermi questo momento ma anche concentrarmi per essere pronto a giocare qui” (esordirà al secondo turno contro Gasquet). Nadal in questo 2017 ha vinto 4 tornei, tutti sulla terra: Monte-Carlo, Barcellona, Madrid e Roland Garros. ”Io e Roger stiamo disputando una gran stagione: penso che entrambi abbiamo la possibilità di chiuderla al comando”.


Tags: nadal federer cincinnati

Articoli Correlati