Sport E Vai  Sport e Vai
Martedì 27 Febbraio 2024
SEGUI SPORTEVAI SU

Napoli: Effetto-Sarri sta svanendo, calo fisico e gioco più prevedibile

23/02/2016 12:05

Napoli: Effetto-Sarri sta svanendo, calo fisico e gioco più prevedibile |  Sport e Vai

Operazione controsorpasso fallita. L’1-1 in casa col Milan lascia al Napoli il rimpianto per la seconda occasione sprecata, dopo il match point fallito per rinuncia a Torino contro la Juve, e la sensazione che qualcosa si sia rotto nel giocattolo di Sarri. Additare l’arbitro o la sfortuna per spiegare come mai gli azzurri in 4 gare abbiano segnato solo due gol (uno su rigore al Carpi) e racimolato due sconfitte e un pari nelle ultime tre gare sarebbe a dir poco riduttivo. La corsa scudetto resta aperta, perché il regalo fatto dal Bologna – che venerdì scorso ha fermato la Juve sul pareggio – resta e consente di guardare i bianconeri a una lunghezza ma intanto i partenopei bene farebbero a guardare anche dietro. La Fiorentina è terza a soli 5 punti di distacco e lunedì c’è lo scontro diretto al Franchi. Una partita che solo un mese fa non avrebbe spaventato più di tanto ma che adesso diventa decisiva per morale e classifica. Non è più il Napoli arrembante e travolgente di qualche tempo fa, è palese. Le occasioni da gol sono rare, nonostante le statistiche elencate dall’attuale tecnico, il gioco prevedibile e le disattenzioni più frequenti. Che proprio Koulibaly sia il protagonista in negativo per i gol presi da Zaza con la Juve e ieri dal Milan è solo un caso: è tutta la squadra ad essere in flessione. Niente di strano: in campionato giocano sempre gli stessi e c’è chi avrebbe bisogno di rifiatare. Sia a centrocampo dove la flessione di Hamsik e Allan è evidente, sia davanti dove Higuain da un mese non è più lo stesso, e sia dietro dove Hjsay sta dando fondo a tutte le energie residue rimaste.

TURNOVER INESISTENTE - Ma Sarri non conosce la parola turnover: o cambia tutto – come ha fatto in Coppa Italia e in Europa League – o niente.  Il risultato è che senza brillantezza il Napoli – che gioca in una sola maniera, eccezionale quando tutti sono al top ma leggibile e neutralizzabile se il ritmo è basso – sta sprecando occasioni d’oro. Il calendario non aiuta: dopodomani c’è la partita da dentro o fuori contro il Villarreal, bisogna rimontare lo 0-1 dell’andata e servirebbe il Napoli migliore. Ma quel Napoli ora non c’è. E alle porte c’è la terribile sfida con la Fiorentina che vale doppio: per continuare a inseguire la Juve ma anche per tenere lontani i viola e blindare il secondo posto almeno. Se è iniziato davvero un calo o se le ultime gare sono state solo un appannamento momentaneo lo si scoprirà in questi 4 giorni. Perché poco ci vuole a passare da sorpresa del campionato alla delusione totale con il carniere vuoto o, come diceva Mourinho, con “zero tituli”.


Tags: napoli hamsik villareal higuain sarri

Articoli Correlati