Sport E Vai  Sport e Vai
Mercoledì 21 Febbraio 2024
SEGUI SPORTEVAI SU

Milan, Pioli dà la colpa ai calendari per gli infortuni poi rivela suo cruccio

24/11/2023 12:03

Milan, Pioli dà la colpa ai calendari per gli infortuni poi rivela suo cruccio |  Sport e Vai

Tempo di esami per Pioli. Secondo molti il tecnico rossonero si gioca la panchina nelle prossime due gare, con la Fiorentina domani in campionato e subito dopo in Champions col Borussia Dortmund. E arrivare a gare tanto importanti con tante assenze non è proprio la maniera migliore per affrontare la sfida. Il tecnico del Milan non si piange addosso e presenta così la gara con i viola, partendo dal ricordo di Astori: "E' la sua partita, è cresciuto qui ed è poi diventato il capitano della Fiorentina, ci saranno iniziative importanti per ricordarlo. Per quanto riguarda noi dobbiamo dimostrare con i fatti come stiamo e di aver capito gli errori fatti per mettere in campo una prestazione di alto livello. Abbiamo sempre lavorato per migliorare e crescere, per non cercare un colpevole ma solo delle soluzioni. So cosa rappresenta il mio ruolo: elogi e critiche ma vado avanti con le mie idee. Ci sono due atteggiamenti possibili: chi pensa positivo e chi cerca di rovinare tutto ed essere negativo, io sono del primo partito ma perché continuo a credere in questo gruppo. Il mio futuro? Nessuno ha certezze, neanche voi".

E' stato aggregato anche il 15enne Camarda: "Il talento non ha età e lui lo ha, poi il destino ti crea occasioni, lui sta affrontando con tranquillità questo momento, è maturo ed è pronto a darci una mano se c'è bisogno. Sono sicuro che avrà un grande futuro. Abbiamo le qualità per dimostrare di essere competitivi anche con le tante assenze, è un momento di emergenza che va affrontato con pazienza e determinazione. I rimpianti appartengono alle persone che non provano a fare, la società mi ha messo a disposizione una rosa folta, poi con infortuni e squalifiche siamo in emergenza ma possiamo superare il problema. L'unico cruccio che ho è non essere riusciti ad abbassare la media infortuni del Milan, abbiamo fatto di tutto per migliorare questa situazione. Tutti gli infortuni poi andrebbero contestualizzati, le nazionali non ci danno una mano, abbiamo numeri negativi ma ci stiamo sforzando per arrivare a performance migliori".

Okafor ha giocato 3 partite di fila in nazionale, ma Pioli non si è lamentato con l'alenatore della Svizzera: "Non ho mai chiamato un ct ma il problema sono i calendari che non sono corretti, è una questione che va affrontata seriamente, sono troppe partite che non fanno bene a nessuno

Il Milan è ancora in lotta per lo scudetto? "Mancano 26 partite, quasi 80 punti ma non deve essere questo il nostro pensiero adesso, son 4 partite che non vinciamo in campionato e dobbiamo tornare a vincere. La Fiorentina con Italiano gioca un calcio molto offensivo, può anche concedere spazi all'avversario, ha superato un momento delicato battendo il Bologna".

La differenza tra primo e secondo tempo del Milan sta diventando una costante: "L'errore è nel calare l'attenzione, siamo stati poco continui nel portare avanti la stessa partita per 95', non dobbiamo farci condizionare da episodi negativi"

Capitolo Ibra: "Non l'ho sentito, so che sta parlando con Cardinale, se ha visto qualcosa di eccezionale in lui non si è sbagliato. Dovesse tornare sarebbe una grande risorsa anche se non so in che ruolo. Maldini voleva Messi? Non ne sapevo niente".


Tags: milan fiorentina pioli

Articoli Correlati