Sport E Vai  Sport e Vai
Mercoledì 29 Maggio 2024
SEGUI SPORTEVAI SU

Juventus, Buffon come Araba Fenice: tutte le sue rivincite

19/10/2016 08:58

Juventus, Buffon come Araba Fenice: tutte le sue rivincite |  Sport e Vai

Juventus, Superman Buffon

Quante volte nella polvere altrettante sull'altare. Per Gigi Buffon quello di ieri sera in Champions a Lione con la Juventus è stato l'ennesimo riscatto di una carriera che a 38 anni gli riserva un ruolo da protagonista, indiscusso numero 1 al mondo tra i numeri 1. 

BUFFON, I MIRACOLI PER LA JUVENTUS - Lo ha dimostrato ancora, semmai ce ne fosse stato bisogno, di essere lontano dal pensionamento. Il rigore parato a Lacazette e i due interventi miracolosi, soprattutto quello su Fekir e poi ancora su Gonalons. Miracoli veri e propri che hanno posto le basi per la vittoria della Juventus a Lione con la "sparata" di Cuadrado. Ma soprattutto quelle di Buffon sono le ennesime parate contro le critiche che quasi automatiche scattano alla prima incertezza da un po' di anni a questa parte. Ecco perchè quando Gigi parla di "funerale senza il morto" che poi sarebbe lui non va poi tanto distante dalla realtà. Dopo l'errore con la Spagna, e l'incertezza contro l'Udinese, qualcuno aveva sussurato, eufemisticamente parlando, un suo accantonamento, specie in Nazionale, per far posto al suo erede designato Donnarumma. "Non adesso, non ora, non fino al 2018" ha voluto ribadire ieri Buffon con quelle parate che per lui sono pane quotidiano da 20 anni e oltre in Italia e nel mondo.

BUFFON, GLI INFORTUNI E LE RINASCITE - L'ultimo rigore parato da Buffon in Champions League era quello parato a Figo nella semifinale del 2003. Buffon ha così parato il suo quarto rigore in Champions: due con il Parma nel 1997, quello a Figo e ora a Lacazette. Sul tema riscatti e rivincite di Gigi la lista è lunga. E va a toccare soprattutto agli infortuni che il numero 1 bianconero ha patito in carriera. Non molti, un paio, ma che lo hanno sempre costretto a lunghi stop e a rientri problematici. Era il 2005 quando un infortunio nel Trofeo Berlusconi costrinse la Juve a prendere Abbiati proprio dal Milan che con Capello mise quasi in bilico il "primato" tra i pali bianconeri di Gigi al suo rientro. E poi dopo i Mondiali del 2010 e quei maledetti problemi alla schiena che costrinsero Buffon a giocare a intermittenza. Anzi c'era chi parlava addirittura di fine carriera, perché per un portiere essere operato alla schiena che è diciamo fondamentale per qualunque tipo di movimento, per un monumento come Buffon è certamente stato aver superato una montagna. Corsi e ricorsi storici ma Buffon è sempre lì, coi guantoni a difendere la sua porta e la sua carriera ancora lungi dall'essere finita.

Luca Fusco


Tags: juventus gigi buffon superman riscatto rivincita Champions League

Articoli Correlati