Sport E Vai  Sport e Vai
Lunedì 4 Marzo 2024
SEGUI SPORTEVAI SU

Inter, Mazzarri fa pace con Moratti: Lo ringrazio, nessuno screzio

25/10/2014 12:49

Inter, Mazzarri fa pace con Moratti: Lo ringrazio, nessuno screzio |  Sport e Vai
Difficile dire se Walter Mazzarri si sia trovato più a disagio per i risultati negativi della sua Inter e una vittoria che manca da troppo tempo o per l’essersi trovato coinvolto nella polemica a distanza col dimissionario Moratti. Non bluffa il tecnico interista quando sottolinea che lui pensa solo alle cose di campo e che altre vicende non lo toccano ma è innegabile che il botta e risposta dei giorni scorsi fosse andato al di là delle abitudini dell’ex Napoli. Ieri Moratti ha teso la mano al tecnico, asserendo di non avercela con lui e di non aver mai voluto essere scortese, oggi Mazzarri –alla vigilia della gara con il Palermo – chiude così la questione: “Certo, mi ha fatto piacere. Ho già detto che non volevo mancargli di rispetto. Lo ringrazio, bene così. Il mio rapporto con lui è stato ottimo, non ho mai avuto problemi con nessuno. Anche i tifosi sanno cosa ha rappresentato la famiglia Moratti, sanno che io penso ottime cose di loro". Restano però al pettine i nodi di una stagione deludente ma Mazzarri non si sente perennemente in bilico e non vuol commentare il delicato momento societario: " Se non ricordo male già l'anno scorso ci sono stati momenti delicati, ho sempre detto a tutti il mio pensiero, cioè pensare alla partita successiva. Il mestiere dell'allenatore bisogna interpretarlo così, questo può darmi forza. Io devo spendere le energie per far rendere i miei giocatori. Io il tempo lo spendo solo per i miei ragazzi, io come allenatore e loro come giocatori dobbiamo concentrarci solo sul campo. Il resto non ci riguarda". LE POLEMICHE - Sulla polemica con Agnelli e la Juventus, con tanto di comunicato di Thohir, Mazzarri si limita a dire: “Io posso dire solo che l'Inter merita rispetto, per il resto ci ha pensato la società”. Il peggio non è ancora passato dopo i due pareggi con Napoli e Saint Etienne, forse è quasi un bene giocare in trasferta: “Io ho visto un bel clima contro il Napoli e mi sembra che la squadra sia partita bene trascinando il pubblico; purtroppo non abbiamo vinto, ma questa è la strada giusta. I momenti difficili si superano con i nostri tifosi.Una piazza così importante con attese importanti può avere molto pressioni verso i giocatori. L'allenatore deve far quadrato, anche perché poi andiamo in campo noi. Loro devono pensare a vincere le partite, qualcuno non abituato cerco io di isolarlo. I motivi per i quali abbiamo avuto questo calo l'ho già spiegato, parte dalla non brillantissima condizione che non ti fa arrivare prima sulla palla o non ti fa fare bene l'ultimo passaggio. Ho visto col Napoli quasi il calcio ideale, aggressivo, svelto e dove tutti pensano a recuperare la palla. Numericamente la rosa era giusta, adesso abbiamo 7 infortunati e questo è un dato oggettivo. Le distorsioni al ginocchio di D'Ambrosio e M'Vila vogliono dire che è un momento che non gira bene. Rispetto all'anno scorso siamo partiti prima perché abbiamo avuto il preliminare di Europa League. Va fatto passare questo momento nel miglior modo possibile. Quando si rinnova tanto ci sta di avere delle difficoltà. Se tutti sono convinti nel giro di pochi giorni, come dice Thohir, torneremo a essere competitivi, considerando che il progetto è nuovo e non è facile vedere risultati immediati". Stefano Grandi  

Tags: Palermo inter moratti mazzarri d'ambrosio m'vila thohir

Articoli Correlati