Sport E Vai  Sport e Vai
Mercoledì 21 Febbraio 2024
SEGUI SPORTEVAI SU

Ibra l'immortale materia di studio per medici Usa

07/11/2020 12:51

Ibra l'immortale materia di studio per medici Usa |  Sport e Vai

Quando si ruppe il crociato nell'aprile del 2017 Zlatan Ibrahimovic aveva già 35 anni suonati e giocava nel Manchester United. Quell'infortunio spinse tante persone a parlare di carriera finita per lo svedese: chi si sarebbe rialzato a quell'età dopo un simile problema? Zlatan smentì tutti e dopo sette mesi era di nuovo in campo come un leone. Si rifece male al ginocchio a dicembre 2017 e rimase altri due mesi fermo, ed ancora ecco tutti a dire: è finito. Si trasferì negli Usa dove con in Mls con i Galaxy ha fatto cose superbe ma anche in quel caso in molti mormoravano: per l'America va bene ma Ibra non potrebbe giocare più in campionati competitivi.

La smentita è arrivata presto: nello scorso gennaio è approdato al Milan e per lui il tempo sembra essersi fermato. Ibra gioca e segna come prima ma soprattutto mostra un'integrità fisica spaventosa. Pioli non riesce neanche a fermarlo per turnover e se lo deve sostituire si becca rimbrotti e occhiatacce. Un vero superman che ha destato, secondo quanto riporta l'edizione online del 'Corriere della Sera', l'attenzione di parte della comunità scientifica americana.

Alcuni specialisti della Facoltà di Medicina di Pittsburgh, infatti, hanno studiato il suo recupero dopo l'infortunio al crociato patito nel 2017 all'età di 35 anni, qualcosa di inumano per gli scienziati di Pittsburgh che hanno definito così il recupero dello svedese: "Il suo ginocchio è semplicemente irrealistico per un calciatore che ha giocato ad alto livello per 20 anni. Non abbiamo mai visto niente del genere".


Tags: milan ibrahimovic crociato

Articoli Correlati