Sport E Vai  Sport e Vai
Lunedì 27 Giugno 2022
SEGUI SPORTEVAI SU

Gascoigne: Sono un alcolista ma non chiedo la pietà della gente

31/08/2014 14:00

Gascoigne: Sono un alcolista ma non chiedo la pietà della gente |  Sport e Vai
Arrabbiato, soprattutto con se stesso. Determinato, anche se non si sa fino a quando. Sincero, sicuramente. Paul Gascoigne si confessa al Daily Mirror e accetta di rivelare la sua dipendenza dall’alcol ma non vuole essere compatito: “Sono un alcolista, vivo alla giornata ma sono determinato a uscirne”. Una settimana dopo l’ultimo scandalo, quando fu ricoverato d’urgenza in ospedale dopo essere raccattato sotto casa con una bottiglia di gin in mano e lo sguardo allucinato, Gazza rompe il lungo silenzio di questi mesi e dice: “So che posso uscirne. Non voglio la pietà di nessuno, voglio solo lo spazio per vivere la mia vita. Quando ho visto l’ambulanza, sapevo immediatamente che dovevo entrare dentro. In passato ho avuto delle sbronze che sono durate giorni, settimane, mesi. Questa volta avevo solo bevuto per poche ore, ma sapevo che se fossi andato all’ospedale sarei tornato OK e l’ho fatto. Quando sono uscito dall’ospedale, una delle prime cose che fatto è stata telefonare a miei figli e dire: ‘Ciao, sono tuo padre. Io sto bene’”. Mi hanno detto che sono orgogliosi di me per aver chiesto aiuto così in fretta”. Gascoigne racconta che fino a poco fa l’alcol era solo un ricordo: “Fino a poche settimane fa stavo alla grande. Andavo a pesca quasi tutti i giorni, giocavo a golf, mi tenevo in forma. Ero felice. Poi una notte ho improvvisamente sentito suonare il campanello ed è andata avanti così per tutta la notte. I vicini hanno subito iniziato a lamentarsi”. Ed ecco la ricaduta: “Ho cominciato acquistando solo un paio di lattine di birra. Poi rapidamente sono diventate quattro e sono uscito fuori a comprare del gin. Quindi ho preso il telefono e ho chiamato la polizia chedendo loro di fermare questa gente che suonava il mio campanello a tutti le ore”. Quando sono arrivati i poliziotti hanno trovato Gazza nel suo appartamento ubriaco : “Mi hanno chiesto se avevo bisogno di aiuto e ho detto di sì. Avevo bisogno di andare all’ospedale per smettere di bere. Già dopo il primo giorno, mi sentivo davvero meglio. Ho iniziato a fare ginnastica, anche 800 flessioni e 900 addominali al giorno”. L’ultimo periodo di riabilitazione di Gazza risaliva allo scorso gennaio in una clinica di Southampton. “No non penso debba andare in riabilitazione. Ora voglio solo tornare in forma ed essere lasciato da solo a vivere la mia vita. Andrò a vedere due o tre nuovi appartamenti nei prossimi giorni. Voglio restare qui perchè mi piace stare vicino al mare, posso andare a pesca. Qui mi sento più felice. Sono grato per tutto il sostegno che ho avuto. Ma non mi sento che devo dire mi dispiace. Sono malato e ho passato un brutto momento. Ora voglio solo fare in modo che non accada di nuovo”. Stefano Grandi

Tags: gascoigne alcol rehab

Articoli Correlati