Sport E Vai  Sport e Vai
Lunedì 29 Novembre 2021
Scitec Nutrition - Integratori Scitec in offerta
SEGUI SPORTEVAI SU

Chiellini e identikit difensore: Sporco, ruvido e che usa il corpo

26/09/2021 13:11

Chiellini e identikit difensore: Sporco, ruvido e che usa il corpo |  Sport e Vai

Brutto, sporco e cattivo. Come il film di Ettore Scola con Nino Manfredi. E' così che Giorgio Chiellini continua ad immaginare il difensore perfetto. Il centrale della Juve parla all'Equipe e dice

«Quando sei un difensore, è una sfida con il tuo attaccante, ti diverti a vedere che non segna. Preferirei salvare un gol che segnare un gol. Mi piace il duello, il combattimento corpo a corpo, queste sono le mie caratteristiche.... Dieci anni fa, non mi è mai stato chiesto di giocare a calcio. Mi è stato chiesto di passare la palla e l’istruzione era: “O il più vicino o il più lontano” ... E’ stato semplice: quando si ha la palla, si passa al giocatore libero più vicino a voi, e se sono tutti marcati, si va sul giocatore più lontano. Oggi, non ha nulla a che fare con questo ed è necessario adattarsi.  Mi dà fastidio che a volte abbiamo perso il gusto per il duello e l’uso del corpo. Molti difensori, anche di alto livello, sono troppo puliti. Un difensore dovrebbe essere un po’ più sporco, ancora nella correzione, ovviamente, ma più ruvido».

Dei suoi colleghi difensori dice

    «Che mi assomigliano, non lo so, e non vorrei che la prendessero male...Alcuni mi piacciono. Matthijs De Ligt può diventare uno dei migliori al mondo. È giovane, è intelligente e ha doti superiori alla media. Sono sempre stato un ammiratore di Sergio Ramos: al di là delle sue qualità di difensore puro, ammiro il suo carattere e quello che dà ai suoi compagni. Un altro giocatore che sta progredendo sempre di più è Marquinhos».

Capitolo Cristiano Ronaldo, ecco cosa cambia senza di lui

    «Bisogna trovare altri equilibri, ma nel calcio non hai molto tempo. Giochi ogni tre giorni, poi vai in Nazionale, quindi durante le pause di dieci giorni i giocatori non ci sono. Hai poco tempo per lavorare, ma devi venire a un amalgama. Quando perdi un campione come Cristiano… Questo ci è già successo, penso a Pirlo, Buffon, non possiamo sostituirli ma la squadra trova il modo di colmare questa assenza con altri giocatori che hanno caratteristiche diverse».


Tags: juventus Chiellini De Ligt

Articoli Correlati