Sport E Vai  Sport e Vai
Lunedì 26 Luglio 2021
Scitec Nutrition - Integratori Scitec in offerta
SEGUI SPORTEVAI SU

Boniperti, una vita per la Juve e il regalo a Parola

18/06/2021 08:33

Boniperti, una vita per la Juve e il regalo a Parola |  Sport e Vai

È diventata leggenda la storia dei premi che Gianni Agnelli gli dava per ogni rete segnata; gli veniva regalata una mucca, che lui andava a prendere direttamente nei poderi della famiglia Agnelli. Il fattore, a un certo punto, si lamentò, dicendo che Giampiero Boniperti gli portava via le mucche più belle e, per giunta, gravide. Nel giorno della sua scomparsa tornano alla memoria centinaia di ricordi legati alla figura dell'ex presidente della Juventus.

La Juve era tutta la vita, non solo la fetta più grossa. Da calciatore 469 presenze e 188 gol dal 1946 al 1961, poi ha vinto tutto da presidente dal 1971 al 1990 ed è diventato anche Presidente onorario dal 2006. A lui si deve la celebre frase, ricordata di recente da Del Piero: “Vincere non è importante, è l’unica cosa che conta”.

Boniperti aveva sempre paura del derby

Boniperti aveva una fobia per i derby, temeva il Torino più di ogni altro rivale come ha ricordato con un tweet la storica firma del Corriere dello sport Enzo D’Orsi: “Boniperti avrebbe abolito il derby. Soffriva troppo il tremendismo e la qualità dei granata, lui che da ragazzo aveva imparato molto dal Grande Torino. Gli sarebbe piaciuto affrontare Cairo, il patron senza sogni. E la sua squadra, morbida come un cuscino”.


Una carriera all’insegna della lealtà sportiva e dei trionfi in campo, che Boniperti stesso racchiuse in un libro “Una vita a testa alta”. Lì si legge ad esempio dei rapporti con Sivori e Charles: “Sivori era argentino. Non era né brasiliano, né John Charles. Il brasiliano, se può, ti dribbla e passa la palla, in silenzio. L’argentino ti dribbla dandoti un pugno in faccia e poi ti manda a fare in … con un «Hijo de puta».

“Charles era un gigante di 1,90, campione dei pesi massimi, che saltava con le braccia lungo i fianchi per non far male. Io mi arrabbiavo. Nell’intervallo delle partite spesso non cambiavo i calzoncini e non bevevo il the per stare a parlare con lui: «John alza ‘sti gomiti. Non vedi che ti picchiano? Se tu allarghi i gomiti noi segniamo sempre». Ma lui non l’aveva nel sangue, faceva dei gran sì con la testa e poi continuava a giocare come al solito.

“Sivori era tutto il contrario. Strafottente. Ti tirava i capelli, ti metteva le dita negli occhi. Ci ha creato un bel po’ di problemi con gli avversari, ma che grande giocatore, Omar. Ti divertiva, in campo e fuori, era una fortuna averlo come compagno. Dicevano che non andassimo d’accordo ed è vero solo in parte. Eravamo molto diversi, questo sì, mi disturbavano certi suoi atteggiamenti provocatori e glielo dicevo. Non ci siamo taciuti nulla, ma insulti mai, litigate mai. Anzi, ci siamo divertiti insieme”.

Boniperti raccontò poi anche l’ultimo omaggio a Parola: “Quello che mi ha picchiato di più è stato Parola, maestro e capobranco ma avversario duro quando gli giocavo contro nelle riserve della Juventus. Nella prima foto ufficiale con la maglia bianconera, ho un occhio nero per una gomitata di Nuccio in allenamento: modo sbrigativo per spiegarmi che il tunnel che gli avevo fatto non gli era piaciuto. Parola mi voleva bene ed io lo adoravo. Era grandissimo, non a caso con la sua rovesciata è stato per anni sulla copertina delle figurine Panini.”

“Se penso cosa guadagnano adesso i giocatori con il diritto d’immagine e cosa non ha mai preso Parola per tutto il tempo in cui ha pubblicizzato l’album con quel gesto tecnico straordinario, divento matto. Ma una soddisfazione e un bel ricordo ce li ho: perché io, quando non ero già più presidente della Juventus, ai dirigenti della Panini tutte queste cose le ho dette: «Quanto vi ha fatto guadagnare Parola senza avere una lira in cambio?». E loro hanno capito. Alla famiglia Parola hanno versato 100 milioni, come segno di riconoscenza. E Nuccio, che è stato malato a lungo, ne aveva bisogno”.

“Quando Parola è morto, ho preso la cravatta della mia divisa bianconera e gliel’ho annodata al collo. L’ho fatto io, anche se nella Juventus non avevo più un ruolo operativo. Ma il vecchio Parola alla Juventus ha portato eleganza, signorilità e gloria: non poteva andarsene nudo. La cravatta della mia divisa a Parola quando morì: lui era il simbolo dell’eleganza e della gloria Juventus”.

Fu Boniperti a scoprire Del Piero

L'ultimo grande colpo da presidente fu Del Piero. Di lui disse: «Del Piero mi assomiglia nell’amore per la squadra, nella fedeltà, credo anche nella serietà. Anche se io ero molto più carogna di lui. Ma avevo un vantaggio: non c’era la televisione, e potevo menare come e quanto volevo. Però ne prendevo anche un sacco, devo dire»

Il ricordo di Aldo Serena

Tra i primi a commentare su twitter la morte di Boniperti c'è Aldo Serena che scrive: "Convocato in sede: “Aldo, solo per dirti che se giochi tutte le partite con quella grinta e non fai goal, a me va benissimo lo stesso”.Mi sarei buttato nel fuoco per lui.Aveva compreso il mio momento di difficoltà e mi era stato vicino. Boniperti, un uomo che sapeva capire".


Tags: juventus boniperti Sivori

Articoli Correlati