Sport E Vai  Sport e Vai
Giovedì 18 Aprile 2024
SEGUI SPORTEVAI SU

Arbitri: c'è una Napoli da scudetto che non gioca in maglia azzurra

05/02/2024 10:12

Arbitri: c'è una Napoli da scudetto che non gioca in maglia azzurra |  Sport e Vai

Erano già spianati i fucili, ancora caldi per le infinite polemiche delle ultime settimane, ma nessuno ha potuto usarli contro gli arbitri. Nelle due partite più attese, ovvero Inter-Juventus ovviamente ma anche Atalanta-Lazio i due arbitraggi sono stati semplicemente perfetti. Il napoletano Maresca e il torrese Guida non hanno sbagliato niente, dando ragione a Rocchi che li aveva scelti. Non lotterà per lo scudetto il Napoli, ma la Napoli arbitrale si sta dimostrando la più forte del lotto.

Quante polemiche per la preclusione di Orsato

Era stata una settimana caldissima, alle polemiche per i tanti errori commessi negli ultimi mesi si era aggiunto il veleno iniettato dalle accuse dell'arbitro incappucciato a Le iene su Italia1. Un'altra bomba a orologeria per un mondo, come quello arbitrale, sul filo dei nervi. Inter-Juve capitava proprio al termine di giorni pesantissimi, anche per la confermata preclusione di Orsato, miglior arbitro italiano, per la sfida scudetto.

Guida è tornato a livelli ottimali

Alla fine è andata come meglio non si poteva. Guida di Torre Annunziata -  che aveva diretto (bene) all’andata la sfida tra bianconeri e nerazzurri – ma non aveva brillato di recente (male in Salernitana-Juventus, così così in Milan-Roma, solo al Var in Milan-Bologna nell’ultimo turno) ieri non ha sbagliato niente in Atalanta-Lazio.

Oltre ai rispettivi rigori assegnati ad ambedue le compagini e reputati a detta di Marelli decisioni corrette, il fischietto torrese ha visto bene anche sul presunto rigore reclamato dai laziali per il contatto tra Ederson e Pedro. Circostanza che ha sollevato le proteste dei biancocelesti. Lapidario Marelli su Dazn: «Corretta la decisione di non dare il rigore, Ederson non cambia la sua corsa e non allarga la gamba. Contatto di gioco come ce ne sono tanti».

Maresca da 10 secondo Cesari

Il designatore Rocchi aveva poi tenuto “nascosto” Maresca nell’ultimo turno dopo la prestazione positiva in Udinese-Milan e lo ha preferito per lo scontro scudetto Inter-Juventus agli altri due autorevoli candidati per la partitissima, ovvero proprio Guida e Mariani di Aprilia ma come se l’è cavata a San Siro il fischietto campano? A fare chiarezza è Graziano Cesari. L’ex arbitro, a Pressing su Italia1, spiega: “Nella decisione dell’autogol di Federico Gatti c’era qualcosa che non ha funzionato? Da tutte le immagini in possesso non c’è mai un tocco di mano di Marcus Thuram. Qui al VAR Massimiliano Irrati e Aleandro Di Paolo lo certificano, il gol è assolutamente regolare. Il braccio non tocca mai il pallone, non c’è mai assolutamente un tocco. Il gol è regolare, molto molto bene. Maresca è stato perfetto, merita un bel 10, con tutto quello che è successo in settimana, designazione azzeccata”.


Per Marelli regolare il gol dell’Inter


Dello stesso avviso su Dazn Luca Marelli: “Direzione eccellente ed è stato molto aiutato dall’estrema correttezza dei giocatori, i quali per primi si scusavano con l’arbitro, ammettevano loro torti. Solo un momento di nervosismo, nel momento dell’ammonizione a Vlahovic ma è stato un segnale molto intelligente per far capire che le proteste non sarebbero state tollerate. La cosa più bella è che non ci siano episodi da dover far rivedere.


Sul gol decisivo c’è stato un check molto lungo, ma perché? Il sospetto è che ci fosse stato un tocco di Thuram con la mano sinistra, ma in realtà non c’è stato alcun tocco da parte del giocatore nerazzurro. Si vede bene dalle immagini, anche dal fatto che la mano non cambia minimamente posizione nel momento in cui il pallone passa davanti. L’unico tocco è quello di Gatti con il petto, che procura l’autorete. Un bravo comunque a Maresca per come ha diretto Inter-Juve“.

 


Tags: rocchi maresca guida

Articoli Correlati