Sport E Vai  Sport e Vai
Venerdì 19 Aprile 2024
SEGUI SPORTEVAI SU

Abodi, che scivolone con Jankto: esplode la bufera sul web

10/07/2023 18:36

Abodi, che scivolone con Jankto: esplode la bufera sul web |  Sport e Vai

Jakub Jankto sarà un giocatore del Cagliari, tornando così in Italia dopo le esperienze in Sampdoria ed Udinese (domani sono previste le visite mediche). Piccola spigolatura: il centrocampista ceco è anche il primo calciatore ad aver fatto coming out che giocherà in Serie A. Non è sicuramente il primo - parliamo della punta di un iceberg di un panorama calcistico con alcuni che probabilmente faticano a dichiarare la propria omosessualità, a volte fingendo una eterosessualità imposta ed autoimposta - ma comunque rappresenta una pietra miliare per l'Italia.

Jankto è stato accolto con queste parole dal ministro dello Sport Andrea Abodi, che a Radio 24 ha spiegato:

 La società probabilmente, in generale, ancora qualche passo in avanti può farlo. Per quanto mi riguarda è prima di tutto una persona e secondo è un atleta. Non faccio differenze di caratteristiche che riguardano la sfera delle scelte personali. Se devo essere altrettanto sincero non amo, in generale, le ostentazioni, ma le scelte individuali vanno rispettate per come vengono prese e per quelle che sono. Io mi fermo qui.

Una raffica di scivoloni in un discorso in cui viene perpetrato il luogo comune, smentito dalla realtà, che l'omosessualità sia una scelta, oltre al fatto che non si sa perché chi appartiene alla comunità LGBTQ non debba ostentare la propria natura, inibendo la propria libertà. Ancora peggio il chiarimento successivo offerto da Abodi su Twitter, in cui ha scritto:

Ad esser corretti ho risposto dicendo: per me esistono le persone. Ho parlato di rispetto per le scelte e, aggiungo con convinzione e per correttezza, per la natura umana. Rispetto è un valore non equivocabile, da garantire. Poi, posso non condividere alcune espressioni del Pride...

Qui il web è esploso, con molte critiche nei confronti dell'ex presidente della Serie B: "Che pena nel 2023 sentire il ministro Abodi parlare di 'ostentazioni' e 'scelte personali' riferendosi all'orientamento sessuale e al coming out. Specie guardando al mondo del calcio, in cui c'è ancora tanta strada da fare. Quando sarebbe bastato dire 'Bentornato, Jakub Jankto!'".

E ancora: "Cosa c’entra 'non condividere alcune espressioni del Pride' con un calciatore gay?", "Fare coming out in un ambiente, come quello calcistico, in cui c'è ancora molta omofobia non è ostentazione - è un gesto coraggioso. L'orientamento sessuale non è una scelta. Siamo nel 2023: un tale livello di ignoranza da parte di un Ministro è inaccettabile", "Curve violente, antisemite e xenofobe, buu razzisti, simboli fascisti e nazisti appesi ovunque, striscioni che inneggiano al Vesuvio, ai morti dell'Heysel ed il ministro dello sport  Abodi che fa? Ovvio, se la prende con Jankto che 'ostenta' la propria omosessualità. Imbarazzante".


Tags: cagliari abodi Jankto

Articoli Correlati