Sport E Vai  Sport e Vai
Lunedì 10 Maggio 2021
Scitec Nutrition - Integratori Scitec in offerta
SEGUI SPORTEVAI SU

Basso scrive: Non potevo aspettare che il buio arrivasse

07/10/2015 12:29

Basso scrive: Non potevo aspettare che il buio arrivasse |  Sport e Vai
Con un editoriale a sua firma su La Provincia di Varese Ivan Basso è tornato sulla sua decisione di ritirarsi dal ciclismo, spiegando tutte le sue ragioni. Questo il suo articolo: “Avete presente quando siete al cinema, prima che inizi il film? Quando siete lì con i vostri bambini, e fate la solita raccomandazione: «Se dovete andare in bagno, ditelo ora: perché poi si spegne la luce e non ci si vede più». Ecco: anche nella vita c’è un momento in cui “bisogna farlo ora”: prima che si spengano le luci, prima che non ci si veda più, prima di rischiare di cadere per terra e farsi male o fare la figura del cretino davanti a tutti. Bisogna essere bravi a capire quando quel momento arriva e alzarsi: o, nel mio caso, scendere. Quel momento è arrivato, e io scendo qui. I segnali erano lì da un po’: prima timidi, poi sempre più insistenti. Impossibili da ignorare anche per uno come me, talmente innamorato del suo lavoro da cancellare dalla mente lo spettro del giorno in cui dire basta. Il punto è che un ciclista dev’essere una macchina perfetta: nelle gambe, ma anche e soprattutto nella testa. Non può permettersi di pensare, non può concedersi il lusso di staccare il cervello. Io ho sempre corso così, ho sempre vinto così: maniacale fino all’estremo nella preparazione di ogni allenamento, di ogni corsa, di ogni grande giro. Pedalavo, facevo fatica, e pensavo soltanto alla fatica che avrei fatto il giorno dopo. Sempre così, ogni volta così. Negli ultimi mesi ho sorpreso troppe volte la mia mente mentre pensava senza il mio permesso…No, così non andava bene. Le luci stavano per spegnersi, e non potevo aspettare ancora: ho salutato tutti nel modo che mi ero sempre immaginato. No, niente corse d’addio o cerimonie troppo sdolcinate o troppo chiassose. È stato perfetto così: alla presentazione del “mio” Giro d’Italia, con un video sobrio e sottovoce. Alla mia carriera non potrei chiedere nulla di più di quello che mi ha dato, compreso il finale….Oggi sono felice, sereno: ho quattro figli che mi aspettano a casa e che in tutti questi anni si sono sacrificati alle assenze di un papà giramondo per dieci mesi all’anno…Non finisce qui, e questa è una promessa: il viaggio continua, anche se su gambe diverse. Ho ancora delle storie da raccontare, ho ancora dei sogni da realizzare, ho ancora delle idee a cui dare vita: ecco perché ho smesso prima che si spegnessero le luci. Perché per fare queste cose ho bisogno di vederci bene. Io continuerò a essere Ivan Basso, così come mi avete conosciuto: e questo più che prometterlo a voi lo prometto a me stesso. Sempre come una volta, in salita controvento”.

Tags: giro ritiro basso

Articoli Correlati

Questo sito fa uso di cookie.
Continuando la navigazione su questo sito web (quindi cliccando sul pulsante "PROSEGUI NELLA NAVIGAZIONE" o cliccando all'esterno di questa area) si autorizza l'impiego di cookie.
Per informazioni dettagliate sull'impiego dei cookie in questo sito web invitiamo a cliccare su "Maggiori informazioni".Qui è anche possibile revocare l'autorizzazione all'impiego di (alcuni) cookie presenti.

PROSEGUI NELLA NAVIGAZIONE