Sport E Vai  Sport e Vai
Lunedì 3 Agosto 2020
Scitec Nutrition - Integratori Scitec in offerta
SEGUI SPORTEVAI SU

Giro d'Italia 2019 e la storia dei vincitori italiani e stranieri

13/05/2019 14:11

Giro d'Italia 2019 e la storia dei vincitori italiani e stranieri  |  Sport e Vai

Giro d'Italia 2019, edizione numero 102. Appuntamento atteso non solo dagli appassionati di ciclismo visto che l'evento può considerarsi a ragione del patrimonio popolare del costume. Ovviamente però è soprattutto all'aspetto sportivo e della competizione che si guarda, con la poco celata speranza che l'ultimo a vestire la maglia rosa domenica 2 maggio, il giorno della Festa della Repubblica, a Verona per la tappa finale, una cronometro individuale possa essere un italiano. Nelle ultime cinque edizioni, soltanto un italiano ha vinto anche per via della maggiore internazionalizzazione che l'evento ha conosciuto. A percorrere gli oltre 3500 chilometri del Giro quest'anno ci saranno 22 squadre provenienti da vari contenuti tra cui la statunitense EF, Education first, leader della formazione linguistica per i corsi  di inglese a Malta.

L'inglese Chris Froome, l'olandese Tom Dumoulin, il "nostro" Vincenzo Nibali, lo spagnolo Alberto Contador ed il colombiano Nairo Quintana sono stati i vincitori delle ultime cinque edizioni e proprio il corridore siciliano è la punta di diamante del ciclismo tricolore, tendenzialmente l'unico che realmente può ambire alla vittoria finale, salvo piacevoli sorprese. Nelle ultime interviste prima del giro, Nibali ha dichiarato che la preparazione non ha avuto alcun tipo di problema e che si sente al 100% per affrontare il Giro. Ci auguriamo davvero che possa davvero essere al top della condizione e provare a vincere nuovamente il giro.

Come abbiamo visto dunque negli ultimi anni la Maglia Rosa ha fatto il giro d'Europa con una puntata anche in Sud America ma dal 1997 al 2007 e dunque per 11 anni consecutivi, la vittoria del Giro è stata tutta una questione italiana. Questo lungo dominio è stato aperto da Ivan Gotti che ha fatto il bis nel 1999, intervallato dalla vittoria del mai troppo compianto pirata, ovviamente Marco Pantani.

Il nuovo millennio si è aperto con la Rosa indossata da Stefano Garzelli mentre nel 2001 a vincere fu Gilberto Simoni che bissò il successo nel 2003. Paolo Savoldelli ha fatto sua la corsa nel 2002 e nel 2005 mentre una vittoria a testa vanno ricordate per Damiano Cunego (2004), Ivan Basso (2006) e Danilo di Luca (2007),

Nella storia del Giro, un dominio italiano del genere lo si può ritrovare agli albori della competizione, quando ovviamente la stragrande maggioranza degli atleti proveniva da dentro i nostri confini. Dal 1909 al 1949, per 32 edizioni (ci furono due lunghe pause a causa delle guerre mondiali) vinsero solo italiani. Il dominio incontrastato su spezzato dallo svizzero Hugo Koblet nel 1950 che dunque fu il primo straniero a vincere il Giro d'Italia.

Difficile dunque immaginarsi un nuovo stradominio come quello vissuto tra la fine degli anni '90 e i primi 2000 ma ovviamente si spera di collezionare quante più vittorie possibili tricolori. Per gli amanti della statistica segnaliamo pure il numero maggiori di anni senza vittorie italiane al Giro. E' accaduto due volte per cinque edizioni consecutive: dal 1970 al 1974 con lo stradominio di Eddy Merckx vincitore di quattro edizioni (solo lo svedese Petterson nel 71 gli rovinò il "pokerissimo") e dal 1992 al 1996 con due vittorie dello spagnolo Miguel Indurain ed un successo  a testa per i russi Berzin e Tonkov e dello svizzero Rominger.


Tags: vincenzo nibali alberto contador Chris Froome nairo quintana Tom Dumoulin

Articoli Correlati

Questo sito fa uso di cookie.
Continuando la navigazione su questo sito web (quindi cliccando sul pulsante "PROSEGUI NELLA NAVIGAZIONE" o cliccando all'esterno di questa area) si autorizza l'impiego di cookie.
Per informazioni dettagliate sull'impiego dei cookie in questo sito web invitiamo a cliccare su "Maggiori informazioni".Qui è anche possibile revocare l'autorizzazione all'impiego di (alcuni) cookie presenti.

PROSEGUI NELLA NAVIGAZIONE