Sport E Vai  Sport e Vai
Martedì 22 Settembre 2020
Scitec Nutrition - Integratori Scitec in offerta
SEGUI SPORTEVAI SU

Napoli, De Laurentiis: "Rifaccio lo stadio se Alfano mi tutela: basta Daspo, serve legge inglese"

05/03/2015 16:55

Napoli, De Laurentiis: "Rifaccio lo stadio se Alfano mi tutela: basta Daspo, serve legge inglese" |  Sport e Vai

Vertice a Napoli, nella sede del Circolo Canottieri, tra il presidente azzurro Aurelio De Laurentiis, il sindaco Luigi De Magistris ed il presidente del Coni Giovanni Malagò. Al centro delle discussioni il futuro dello stadio San Paolo ma anche il rischio, scongiurato, di giocare Napoli-Inter in un impianto semideserto. "Ieri ho trascorso tutta la giornata nel delirio di un concetto molto cattolico e molto italiano della punibilità", ha esordito De Laurentiis. "Io sono stato sempre un paladino del riscatto, attraverso la coscienza dei propri limiti. Il nostro è un paese maleducato, ma nessuno ne prende coscienza. Con i miei film, ho criticato il paese. Quando ieri mi è stato detto che lo stadio sarebbe stato chiuso per Napoli-Inter, mi è venuta una vampata. Ho parlato con il Prefetto di Napoli, ho parlato con Panico, ho parlato con Alfano. Ci sono stati trenta cretini che hanno assaltato un commissariato (contro il Trabzonspor, ndr), sono necessari dei distinguo. Bisogna colpire loro. Non siamo stati capaci di gestire la finale di Coppa Italia, Fiorentina-Napoli, e di governare il flusso degli olandesi in occasione del Feyenoord a Roma. Ci siamo fatti distruggere la Barcaccia. Se lo sport significa incontro e non scontro, se lo sport significa condivisione, io non ci sto più. Oggi ho parlato con il sindaco de Magistris e con Malagò. Ho detto che se non si applica la legge inglese, io lo stadio non lo faccio e non investo i miei soldi. Sto continuando i miei studi, sono pronto a cominciare i lavori l'1 luglio. Non mi tiro indietro, ma Alfano non deve parlare di Daspo, deve mettere in pista la legge inglese che ha ripulito il calcio. Non costruisco nuove strutture per farmele distruggere da chi viene allo stadio senza essere un cultore dello sport. Ci sto scommettendo la mia faccia e i miei soldi personali. Il Napoli più di tanto non fattura, quindi sono io che mi devo esporre. Questa è la mia idea inderogabile. Alfano deve voltare pagina, altrimenti non si va da nessuna parte. Quello che è successo a maggio, si è poi ripetuto poco fa. E cosa facciamo in caso di una nuova finale di Coppa Italia?". 


Tags: de laurentiis stadio malagò de magistris Canottieri Napoli

Articoli Correlati

Questo sito fa uso di cookie.
Continuando la navigazione su questo sito web (quindi cliccando sul pulsante "PROSEGUI NELLA NAVIGAZIONE" o cliccando all'esterno di questa area) si autorizza l'impiego di cookie.
Per informazioni dettagliate sull'impiego dei cookie in questo sito web invitiamo a cliccare su "Maggiori informazioni".Qui è anche possibile revocare l'autorizzazione all'impiego di (alcuni) cookie presenti.

PROSEGUI NELLA NAVIGAZIONE