Sport E Vai  Sport e Vai
Giovedì 20 Settembre 2018
SEGUI SPORTEVAI SU

Il Milan: Bene con le big nel ritorno, ora bisogna tornare a segnare

16/04/2018 16:01

Il Milan: Bene con le big nel ritorno, ora bisogna tornare a segnare |  Sport e Vai

Il sito ufficiale del Milan elenca 5 riflessioni dopo il pari col Napoli e scrive

TRA ANDATA E RITORNO
Il Milan del girone d'andata aveva perso con tutte e sei le squadre che erano avanti in classifica: Juventus, Napoli, Roma, Lazio, Inter e Sampdoria. Il totale era stato di 0 punti, 15 gol subiti e 4 all'attivo. Nel girone di ritorno con le stesse squadre i punti sono stati 11, la sconfitta una, i gol subiti 4 e i gol segnati 6. Ne emerge una maggiore vicinanza, un confronto più serrato e una difesa nettamente migliore, con un leggero incremento delle reti messe a segno.

IL SENSO DELLE ASSENZE
L'esistenza di un gruppo è dimostrata dall'aver affrontato proprio il Napoli senza Bonucci e Romagnoli, senza il capitano e senza uno dei leader tecnici della squadra. La disponibilità e la professionalità di Zapata e Musacchio dimostrano che, pur con le scelte precise fatte da Rino Gattuso, nessuno è stato perso per strada. Ma anche che l'esistenza di una compattezza e di una organizzazione hanno consentito ai due difensori sudamericani di sentirsi a loro agio in campo, nonostante facessero coppia difensiva per la prima volta in questo campionato.

2 GOL IN 4 PARTITE
Il Milan era arrivato alla sosta per le nazionali di marzo, dopo aver segnato 3 gol al Chievo. Al ritorno dalla sosta, la squadra ha vissuto una stretta sul piano dei gol all'attivo. Tante occasioni, soprattutto contro Juventus e Sassuolo, ma 2 le reti, di Bonucci e di Kalinic. La squadra lavora molto in tutte le zone del campo e tira molto, anche dalla distanza. Il Milan costruisce, propone, il minor numero di gol non è la spia accesa di un atteggiamento, ma il segnale di una vena squisitamente realizzativa da trovare.

I 2 PESI DI GIGIO
Dentro il suo sorriso buono lo si era percepito. Anche nelle pieghe dei suoi silenzi educati. Gigio ne aveva bisogno. Di una giornata così, la centesima, contro il Napoli. Di una parata così, decisiva, fuori dalla norma. Ecco, la norma. Per tenere ben lontana la normalizzazione e continuare il cammino verso una enorme carriera, Gigio ha davanti una sola scelta: lavorare, continuare a lavorare. Come diceva proprio Rino Gattuso alla vigilia di Milan-Napoli, la partita in cui Gigio, e l'esultanza dopo l'intervento su Milik ne è una conferma, si è tolto due pesi.

ADESSO TORINO
Il Torino è in serie positiva, come lo era il Sassuolo arrivato a San Siro otto giorni fa. La parola d'ordine è diffidare delle critiche che spesso piovono sulla squadra granata. Sarà dura e servirà il miglior Milan per tenere la posizione in classifica e stare attenti a quello che succede davanti. Il Toro è una grande storica e quando arriva il Milan queste squadre si accendono. Non c'è molto tempo per preparare la gara, ma Gattuso è già sul chi va là.


Tags: milan Donnarumma kalinic

Articoli Correlati

Questo sito fa uso di cookie.
Continuando la navigazione su questo sito web (quindi cliccando sul pulsante "PROSEGUI NELLA NAVIGAZIONE" o cliccando all'esterno di questa area) si autorizza l'impiego di cookie.
Per informazioni dettagliate sull'impiego dei cookie in questo sito web invitiamo a cliccare su "Maggiori informazioni".Qui è anche possibile revocare l'autorizzazione all'impiego di (alcuni) cookie presenti.

PROSEGUI NELLA NAVIGAZIONE