Sport E Vai  Sport e Vai
Sabato 15 Agosto 2020
Scitec Nutrition - Integratori Scitec in offerta
SEGUI SPORTEVAI SU

Dembelè: Mio ricordo più bello 10 gol segnati per strada da ragazzo

21/11/2017 12:14

Dembelè: Mio ricordo più bello 10 gol segnati per strada da ragazzo |  Sport e Vai

"Giocavamo per strada. Abbiamo vinto 10-9 e io ho segnato 10 gol. Dieci gol! Era una sfida tra quartieri ed era molto importante vincere. È un bellissimo ricordo di quando ero piccolo, un ricordo del calcio di strada". Tra tanti gol segnati in carriera Moussa Dembélé, in un'intervista con il sito dell'Uefa, sceglie quello più tenere. L'attaccante del Celtic si confessa. "Del calcio amo tutto Ho imparato quasi tutto quello che so da questo sport. Mi ha insegnato tante cose, anche come persona, e per me significa molto". Cresciuto in un sobborgo svantaggiato di Parigi, cercando di emulare campioni come Thierry Henry e Ronaldinho, il giocatore (21 anni) è diventato uno dei giovani attaccanti più promettenti d'Europa, anche se il suo modello è sempre stato Nicolas Anelka. "Mi rivedevo in lui, perché ero un ragazzo della banlieue che faceva di tutto per arrivare al successo - racconta -. Lo ammiro molto, sia come persona che come giocatore. Tutti i miei coetanei volevano una carriera come la sua, ma non era facile". Il percorso di Dembélé è stato in effetti tortuoso. Dopo un provino al Paris Saint-Germain, ha scelto coraggiosamente di trasferirsi a Londra per giocare nel Fulham: "Avevo 15 anni, quasi 16, ed è stata una decisione importante per me e la mia famiglia - ricorda -. Per una madre e un padre, vedere andare via un figlio a 16 anni non è facile. È stata una decisione difficile, ma l'ho presa lo stesso. Sapevo che era per il mio bene e ho dimostrato più volte che avevo ragione". Dal Fulham alla Scozia, la carriera di Dembélé è stata un'ascesa continua. Grazie al suo talento, Dembélé ha molti ammiratori. Uno di loro è Zinédine Zidane, che lo ha paragonato a Ronaldo o Raúl González: "È bello quando una leggenda, perché Zidane è una leggenda, ti fa i complimenti - ammette Dembélé -. Mi ha fatto piacere, anche se all'inizio ero incredulo. Il fatto che il mio lavoro non passi inosservato e che Zidane abbia parlato così di me, delle mie capacità e del mio futuro, è un incentivo ad alzarmi al mattino e a lavorare più degli altri".


Tags: zidane celtic dembelè

Articoli Correlati

Questo sito fa uso di cookie.
Continuando la navigazione su questo sito web (quindi cliccando sul pulsante "PROSEGUI NELLA NAVIGAZIONE" o cliccando all'esterno di questa area) si autorizza l'impiego di cookie.
Per informazioni dettagliate sull'impiego dei cookie in questo sito web invitiamo a cliccare su "Maggiori informazioni".Qui è anche possibile revocare l'autorizzazione all'impiego di (alcuni) cookie presenti.

PROSEGUI NELLA NAVIGAZIONE