Sport E Vai  Sport e Vai
Giovedì 24 Ottobre 2019
Scitec Nutrition - Integratori Scitec in offerta
SEGUI SPORTEVAI SU

Calciomercato Inter: Mazzarri senza alibi, per ora paga Kovacic

03/02/2014 11:04

Calciomercato Inter: Mazzarri senza alibi, per ora paga Kovacic |  Sport e Vai

In attesa di capire se i due rinforzi sul calciomercato, ovvero Hernanes e D’Ambrosio ma se vogliamo anche Guarin dato per sicuro partente e che invece è rimasto, potranno aiutare l’Inter a risollevarsi dalla situazione imbarazzante in cui si trova, la patata bollente resta in mano a Mazzarri. L’avvio positivo dei nerazzurri aveva illuso tutti ma il trend delle ultime dieci giornate è stato impietoso: una sola vittoria e tante brutte figure. L’ultima ieri a Torino con la Juventus. Laddove l’anno scorso la squadra all’epoca allenata da Stramaccioni raggiunse il suo punto più alto, andando a vincere con autorità, Mazzarri ha incassato un ko che segna lo zenit opposto. Ora a rischio non solo c’è l’Europa League ma la credibilità di una stagione che avrebbe dovuto coincidere con la rinascita. Son finite le scuse per il tecnico di San Vincenzo: niente errori arbitrali, niente campi pesanti, niente sfortuna. Quest’Inter non gira. Neanche il ritorno al modulo con Palacio unica punta ha evitato un tracollo netto. Che la Juve fosse più forte si sapeva, che la partita non avesse proprio storia no. Alla vigilia Mazzarri aveva detto di aspettare risposte importanti da alcuni elementi, dopo il match ha ammesso di averle avute quelle risposte (negative, evidentemente) sia pur senza entrare nello specifico. L’impressione è che a pagare possa essere Kovacic, che non ha rispettato le consegne date e che sta inanellando prestazioni sempre più deludenti ma intanto la piazza bolle. Lo stesso Thohir è assai deluso ed anche se per il momento non si parla di esonero è sicuro che Mazzarri si stia giocando il suo futuro sulla panchina nerazzurra a dispetto di un contratto pluriennale. Contro il Sassuolo nella prossima gara è obbligatorio vincere, va da sé, ma dall’Inter ci si aspetta una svolta profonda. Ad inizio stagione si gridava al miracolo per la “rinascita” di giocatori dati per finiti come Jonathan ed Alvarez, ora ci si preoccupa dell’involuzione di tutto il gruppo, carente in tutti i reparti.

LE SPIEGAZIONI. L’arrivo di Hernanes è già un passo avanti. Mazzarri ha spiegato:  “È stata una mia indicazione precisa. Ci può servire in quelle partite dove è mancata la qualità nei piazzati e nei tiri in porta. Può fare anche il mediano, è un giocatore al top per i prossimi tre-quattro anni. È arrivato tardi? Ci saranno stati dei motivi, io mi fermo alla valutazione tecnica". Sulla partita il tecnico nerazzurro ha scaricato le colpe sulla squadra: “Ci sta di prendere un gol, bravi loro, si è fatto qualche errore tattico. A me hanno infastidito il secondo e terzo gol, se avessimo subito rete su una grande giocata lo avrei accettato, loro invece hanno fatto tutto con adrenalina. I cambi poi erano previsti e sapevo che la Juve sarebbe calata. Infatti anche sul 3-0 abbiamo fatto cose buone, se fosse rimasto 1-0 ce la saremmo giocata fino all'ultimo". La partita l’aveva studiata diversamente Mazzarri:  “Il ruolo per Alvarez l'ho definito, all'inizio era seconda punta. Tutti sapevano cosa fare, Kovacic doveva uscire su Pirlo, le altre mezzali erano con posizioni nette. Dal punto di vista tattico la partita era facile, il problema è che a volte non facciamo bene quello che prepariamo. Ci sono tante variabili, in questi incontri valuto anche i giovani per capire a che punto sono. Tatticamente era tutto abbastanza netto”. Il rischio è che ora ci sia uno scoramento generale ma il tecnico nerazzurro non ci sta: “Deve esserci la voglia di prevalere anche singolarmente e fisicamente sull'avversario. Dopo 6 mesi sono abbastanza chiaro. Quest'anno dovevo valutare e rivalutare la rosa, la società sa benissimo come vanno le cose. I ragazzi sono stati avvertiti, quest'anno stiamo costruendo la prossima Inter. Non abbiamo mollato, anche il possesso palla è stato pari. Altre squadre hanno perso peggio allo Juventus Stadium. Se non avessimo preso quei due gol in mischia... Tutto vorrei vedere tranne che gol in mischia contro la Juventus. Dobbiamo lavorare ripartendo dall'ABC, fanno parte del processo di crescita di giocatori non abituati ad avere certe pressioni tutti i giorni. Se non si vogliono valutare certe cose ne parlerò con la società se vorrà ascoltarmi”.

 

Stefano Grandi

 


Tags: juventus calciomercato inter hernanes alvarez palacio jonathan guarin Mazzari kovacic thohir

Articoli Correlati

Questo sito fa uso di cookie.
Continuando la navigazione su questo sito web (quindi cliccando sul pulsante "PROSEGUI NELLA NAVIGAZIONE" o cliccando all'esterno di questa area) si autorizza l'impiego di cookie.
Per informazioni dettagliate sull'impiego dei cookie in questo sito web invitiamo a cliccare su "Maggiori informazioni".Qui è anche possibile revocare l'autorizzazione all'impiego di (alcuni) cookie presenti.

PROSEGUI NELLA NAVIGAZIONE