Sport E Vai  Sport e Vai
Sabato 8 Ottobre 2022
SEGUI SPORTEVAI SU

Serie A, da Inzaghi a Mourinho e Spalletti: Favorito sarà lei

14/08/2022 09:54

Serie A, da Inzaghi a Mourinho e Spalletti: Favorito sarà lei |  Sport e Vai

Favorito dillo a qualcun altro. Il campionato è appena partito ma c'è già uno scaricabarile sul ruolo di chi sarebbe la più forte del lotto. Da Inzaghi a Spalletti tutti a togliersi di dosso la scomoda etichetta di squadra da battere. Proprio il tecnico dell'Inter, che pure è considerata da scudetto, dopo la vittoria di Lecce è stato chiaro sul tema

"Non c'è da scherzare perché gli altri acquistano mentre noi dobbiamo tenere i nostri giocatori, secondo i media poi siamo gli unici a dover vendere per forza mentre gli altri comprano molto. La squadra deve rimanere questa, di mercato non voglio parlarne e ci manca un centrale che prenda il posto di Ranocchia".

E che dire di Mourinho? Roma sogna il quarto scudetto ma lui resta con i piedi per terra e sottolinea

 mi stupisce quando si parla di noi in un modo in cui di altri non si parla. Dire che la Roma è candidata allo scudetto lo potrei capire se ci sono 18 scudetti, perchè solo Samp e Lecce hanno speso meno di noi. Milan e Inter, per fare un esempio, hanno finito più di 20 punti avanti, hanno migliorato, perchè siamo noi candidati allo scudetto? Poi c’è tanto rumore intorno a noi perchè abbiamo fatto una partita interessante contro il Tottenham, si parla di noi, ma la Lazio ha speso 39 milioni, sono loro candidati? Se lo sono, ok. Parlare di noi mi sembra di vendere un prodotto non reale, noi non vendiamo fumo. Il nostro scudetto già vinto è l’amore con i tifosi. Noi siamo un progetto, serve tempo, e sono passati solo 13 mesi.

Parole respinte al mittente da Sarri

"Noi non abbiamo speso, ma abbiamo investito. Se c'è qualcuno che ha speso sono loro. Noi abbiamo solo investito su dei ragazzi giovani. Ringrazio José per la grande fiducia nei miei confronti, spero di accontentarlo... E siccome anche io ho grande fiducia nei suoi confronti, il secondo posto della Roma per me sarebbe una delusione".

E Spalletti va ancor più giù in maniera chiara

Si parla naturalmente di un Napoli che non vede più quei giocatori importanti che hanno permesso i buoni risultati degli ultimi anni, d'esperienza, affidabili, e si parla di un nuovo ciclo. Se si parla di Napoli le ambizioni sono sempre alte, altissime però poi non posso assicurare niente ed è chiaro che si gioca per raccogliere il massimo a disposizione. Le cose più difficili sono quelle delle dinamiche di spogliatoio, sono cambiate quando fai a meno di Ghoulam, Ospina, Mertens e Insigne... oltre alle dinamiche di gioco ci sono quelle di carattere e dobbiamo ricreare quelle lì. sarà un campionato lungo e difficile e lo valuteremo strada facendo, ora è difficile con un cambiamento così radicale, giocheremo contro squadre che hanno elementi top ovunque e giocheremo anche contro italiane che si sono rinforzate prendendo giocatori già affermati e basta dargli la maglia e metterli in campo. Dobbiamo saperlo

 


Tags: mourinho INZAGHI spalletti

Articoli Correlati