Sport E Vai  Sport e Vai
Lunedì 27 Giugno 2022
SEGUI SPORTEVAI SU

Milan: Pioli, l'ultimo messaggio è per Ibra e i tifosi

21/05/2022 12:08

Milan: Pioli, l'ultimo messaggio è per Ibra e i tifosi |  Sport e Vai

La pressione la sente. Impossibile ignorarla. Il Milan è a un passo da quello scudetto che manca da 11 anni ma è un passo che pesa tantissimo. Bisogna battere il Sassuolo, i cattivi pensieri, la paura del braccino. Bisogna gestire le emozioni e Stefano Pioli ci prova a far finta che sia una partita come un'altra quella che domani potrebbe far esplodere di gioia il popolo rossonero.

"Siamo stati i migliori fino ad oggi, dobbiamo esserlo anche domani. Non conta quello che hai fatto fino a ieri ma conta quello che faremo domani. Ci siamo costruiti e meritati una grande occasione, dobbiamo ancora finirla. Siamo arrivati fin qui senza che nessuno ci abbia regalato qualcosa e anche domani il Sassuolo farà di tutto per cercare di batterci. Lo sport è competizione e noi siamo primi in classifica. Chi gioca contro di noi ha dato il massimo e domani il Sassuolo ha dato il massimo. Per questo dobbiamo giocare da Milan dall'inizio alla fine".

Riusciranno a dormire in giocatori?

"Per come li ho visti credo di sì. I miei giocatori sono strani, ma in senso positivo: vedo gli stessi atteggiamenti e la stessa serenità di sempre, forse data della loro giovane età. Ho sempre dormito bene prima delle partite, poco dopo; spero domani di dormire veramente poco. Un messaggio ai tifosi? Insieme siamo sicuramente più forti. Domani abbiamo bisogno di tutti, anche di coloro che non potranno essere presenti. Rassicurazioni non ce ne sono, perché il pallone è rotondo e devi dimostrare di essere migliore degli altri"

Anche Ibra è in fibrillazione

"Tantissimo, come tutti noi. Quanto è stato importante lui? Tantissimo. Ha portato mentalità, qualità, è un giocatore sopra tutti per qualità e intelligenza calcistica. Ha portato quella personalità che serviva ad una squadra giovane. È un punto di riferimento, poi sono stati bravi i suoi compagni a seguirlo e a diventare giocatori molto più forti rispetto a quando Zlatan è arrivato. Stiamo vivendo un momento importante. Domani si chiuderà un campionato, tra il vincere e il non vincere ora c'è differenza. Tutti i miei giocatori devono pensare di poter essere i giocatori decisivi".

Pioli ricorda come l'inizio della grande avventura sia stato il ko per 5-0 di Bergamo dello scorso anno

"Da quella partita lì io ho capito tante cose, i giocatori hanno capito tante cose, la dirigenza ha aiutato con gli arrivi di Ibrahimovic e Kjaer. Da lì siamo partiti con una continuità ed energia diversa rispetto a prima. Ora non ho avuto bisogno di fare interventi particolari in questa settimana, con sempre il noi davanti all'io... Anzi: con il noi prima di tutto. Domani ognuno di loro può mettere un punto esclamativo in una partita che può essere storica"

Il tecnico rossonero rivela di non avere difficoltà di formazione

"È stato difficile per tutto l'anno tranne purtroppo a novembre quando le scelte erano forzate per gli infortuni. Il mio staff sanitario era stato critico e ce n'era motivo, poi sono stati bravi a trovare soluzioni. È sempre difficile fare scelte con giocatori così forti e disponibile, ma ho le idee chiare in testa".


Tags: milan scudetto pioli

Articoli Correlati