Sport E Vai  Sport e Vai
Mercoledì 5 Ottobre 2022
SEGUI SPORTEVAI SU

Motogp: Quanti motivi per un 2017 super, da Lorenzo alla Ktm

02/01/2017 13:05

Motogp: Quanti motivi per un 2017 super, da Lorenzo alla Ktm |  Sport e Vai

Si annuncia emozionante il 2017 per la Motogp: tanti i motivi di interesse per il Motomondiale, dal debutto in Ducati per Lorenzo all'esordio della Ktm

La nuova avventura di Jorge Lorenzo in Ducati

È stata la notizia dell’anno e nei test di Valencia, dopo l’ultimo GP, tutti i riflettori erano puntati sulla la nuova coppia Jorge Lorenzo e DesmosediciGP. Il maiorchino ha lasciato il team Movistar Yamaha dopo nove stagioni, dall’esordio nella classe regina all’anno appena finito e adesso scommette sulla moto di Borgo Panigale dividendo il box con Andrea Dovizioso. Al suo fianco avrà Luigi Dall’Igna, direttore generale del Reparto Corse e già con Lorenzo ai tempi delle classi minori. Inoltre, ad aiutare il numero 99 anche Casey Stoner; oggi collaudatore ma ultimo e unico campione del mondo nella categoria regina con il prototipo desmodromico. Le premesse per una annata mitica ci sono tutte.

Maverick Viñales in Yamaha

La seconda grande novità del 2017 è l’arrivo di Viñales nel box Yamaha. Il talentuso catalano, dopo aver riportato Suzuki sul gradino più alto del podio diventa compagno di scuderia di Valentino Rossi. Viñales ha già impressionato tutti; le sue doti sono fuori discussione ma il dominio nei test di Valencia al primo contatto con la M1 è stato impressionante e un problema in più per i futuri pretendenti alla corona iridata. Nella corsa a diventare il re della massima cilindrata il ragazzo di Figueres potrà sicuramente dire la sua.

Iannone e Suzuki

Dall’anno prossimo Andrea Iannone sarà pilota Suzuki Ecstar. L’ex portacolori Ducati e primo in questa stagione a riprotare la moto italiana alla vottoria, gareggerà con la GSX-RR Nei test di Valencia il buon feeling trovato subito con la moto e il box è stato una bella sorpresa e il pilota di Vasto, che quest’anno è stato anche vittima di un infortunio alla schiena, è rimasto costantemente nelle prime posizioni. La determinazione a fare bene è gradissima.
 KTM nella classe regina

La Casa austriaca parteciperà al futuro Campionato del Mondo MotoGP dopo aver preso parte all’ultima prova del 2016 al Ricardo Tormo. Anni di preparazione in fabbrica e una recente stagione di totale dedizione ai test in pista, hanno preparato la strada all’ingresso dei prototipi di Mattighofen nella competizione motociclistica più importante. In sella alla RC16 Bradley Smith e Pol Espargaro.

Appendici areodinamiche vietate

La Grand Prix Commission ha stabilito che nel 2017 non sarà più possibile dotare i prototipi della calsse regina di soluzioni areodinamiche che prevedono alettoni e gradi modifiche alla carenatura. Le ‘alette’ sono state protagoniste della stagione con Ducati prima casa a dotare le proprie moto di varie appendici. Ora sono state proibite, seguendo quanto già fatto nelle altre classi.

Nuovi piloti in MotoGP

Il 2017 vedrà un grande rimescolamento di carte con ben quattro volti nuovi tra i protagonist della massima serie del MotoGP: Johann Zarco, due volte campione del mondo in Moto2 sarà compagno di box in Tech3 di Jonas Folger, anche ex della categoria mediana. Alex Rins, giovane catalano della clindrata intermedia, vestirà invece i colori del team Suzuki Ecstar. L’ultimo nuovo arrivato è Sam Lowes che continuerà con la stessa squadra, il team Gresini, passando dalla Kalex 600cc all’Aprila RS-GP.
 


 


Tags: ducati lorenzo vinales

Articoli Correlati