Sport E Vai  Sport e Vai
Martedì 13 Aprile 2021
Scitec Nutrition - Integratori Scitec in offerta
SEGUI SPORTEVAI SU

Wolff: Attenti a non provocare la Ferrari e Marchionne

20/12/2017 14:27

Wolff: Attenti a non provocare la Ferrari e Marchionne |  Sport e Vai

Guai a sfidare il Cavallino. Toto Wolff si mette dalla parte di Marchionne. Il patron della Mercedes, parlando al Welt am Sonntag, difende il presidente della Ferrari e ne condivide le minacce di lasciare la F1 se le cose non cambiano: “Con i nuovi regolamenti del motore c’è la possibilità di ottimizzarlo, ma sviluppare un nuovo motore che non rispetti gli aspetti high tech dell’elettrificazione, dell’efficienza e della potenza, ovvero un motore arcaico, non è ciò che vogliamo. Marchionne deve essere preso sul serio. Sono tranquillo perché la Ferrari è la Formula 1 e la Formula 1 è la Ferrari. Ma se fossi in Liberty Media non continuerei a provocare Marchionne con suggerimenti, richieste inaccettabili o modifiche insensate. Ovvero introdurre regole o elementi nel gioco per trasformare la Formula 1 in un canale commerciale a basso costo. La Formula 1 deve mantenere la sua conformazione base, per quello che era e per quello che è: dobbiamo migliorare ed affrontare il nuovo ambiente mediatico, ma abbiamo bisogno di un’evoluzione non di una rivoluzione ingenua. Wolff ha anche ammesso di sentire la mancanza di Bernie Ecclestone: “Avrei voluto che, tre o quattro anni fa, avesse deciso di ricoprire un altro ruolo senza uscire del tutto. Un ruolo che aiutasse a costruire una nuova era in Formula 1. Non l’ha fatto, e considerando la sua esperienza e il suo entusiasmo, sia come pilota che uomo d’affari, è l’unica critica gli pongo”.

 


Tags: ferrari marchionne wolff

Articoli Correlati

Questo sito fa uso di cookie.
Continuando la navigazione su questo sito web (quindi cliccando sul pulsante "PROSEGUI NELLA NAVIGAZIONE" o cliccando all'esterno di questa area) si autorizza l'impiego di cookie.
Per informazioni dettagliate sull'impiego dei cookie in questo sito web invitiamo a cliccare su "Maggiori informazioni".Qui è anche possibile revocare l'autorizzazione all'impiego di (alcuni) cookie presenti.

PROSEGUI NELLA NAVIGAZIONE