Sport E Vai  Sport e Vai
Sabato 3 Dicembre 2022
SEGUI SPORTEVAI SU

F1 2022, c’è aria di rivoluzione anche secondo Jarno Trulli

31/03/2022 17:13

F1 2022, c’è aria di rivoluzione anche secondo Jarno Trulli |  Sport e Vai

Un inizio di stagione veramente scoppiettante quello della Formula 1. Le emozioni, in queste prime due gare del Mondiale, come possono confermare anche gli appassionati di scommesse Formula 1, non sono affatto mancate.

A maggior ragione per i ferraristi, questo inizio di stagione si sta rivelando decisamente entusiasmante, con le rosse che stanno ottenendo risultati importanti, a suon di prestazioni veramente eccellenti, da parte di entrambi i piloti. Non c’è solo Charles Leclerc, primo e secondo nelle due gare disputate fino ad ora, ma anche Carlos Sainz sta dando prova di grandissima solidità, dal momento che ha colto un secondo e un terzo posto.

I grandi risultati della Ferrari visti da Jarno Trulli

Sul blog sportivo L’insider, un grande ex pilota come Jarno Trulli ha voluto dire la sua su questo inizio di stagione, toccando un gran numero di argomenti molto interessanti e delicati, comprese ovviamente le ottime prestazioni delle due monoposto in rosso.

Un’analisi lucida e razionale, che vede in primo luogo una costante attenzione verso tutte quelle che vengono considerate le “nuove leve”. In poche parole, il riferimento è a tutti quei giovani piloti che, seguendo l’esempio di Max Verstappen, hanno intenzione di provare a vincere il titolo mondiale.

Non sono poi così tanti quelli subito pronti per lottare per il titolo, ma secondo Trulli ce ne sono due che probabilmente hanno tutte le carte in regola per ambire subito a grandi risultati. E, guarda caso, sono proprio i due ferraristi, ovvero Charles Leclerc e Carlos Sainz. I due hanno già raccolto degli ottimi risultati in queste prime due gare della stagione e, di conseguenza, tutti si aspettano che possano proseguire di questo passo.

Secondo Trulli, però, ci sono anche altri due giovani in rampa di lancio. Si tratta del nuovo compagno di squadra di Hamilton, ovvero George Russell, alla Mercedes, ma anche di Lando Norris, capace di sfornare diverse ottime prestazioni già nella scorsa stagione con la McLaren. In ogni caso, non serve avere talento, dal momento che per potersi imporre senza anche avere una buona macchina e, come ha sottolineato alla perfezione lo stesso ex pilota della Renault, nel circus in questo momento di monoposto così affidabili ce ne sono ben poche.

Hamilton, le Ferrari e i problemi del nuovo regolamento

I giovani piloti in rampa di lancio di cui abbiamo appena parlato proveranno in tutti i modi a mettere in difficoltà Lewis Hamilton, che ha perso proprio sul filo di lana all’ultima gara il Mondiale nella scorsa stagione e ha una gran voglia di rivalsa.

Tanti addetti ai lavori considerano Lewis all’ultimo canto del cigno, ma in ogni caso Trulli considera il buon Lewis come uno dei piloti più forti di tutti i tempi. I numeri, in effetti, sono tutti dalla sua parte ed Hamilton ha tutte le carte in regola per poter essere inserito nell’Olimpo dei piloti più forti nella storia della F1.

Un altro argomento piuttosto delicato è quello relativo ai tanti cambiamenti che sono stati introdotti in Formula Uno negli ultimi mesi. In questo caso, hanno portato a uno scenario completamente differente. Se, da un lato, ci sono diversi vantaggi nel fatto di riuscire finalmente a garantire uno spettacolo divertente ed emozionante per tutta la durata del Gran Premio, d’altro canto c’è da prendere in considerazione qualche limite che dovrebbero essere oltrepassato il prima possibile. Ad esempio, in tanti hanno notato il problema legato alla visibilità, visto che le macchine hanno dimensioni importanti e l’ingombro alla vista è notevole. Sono, in modo particolare, le gomme da 18 pollici quelle che rendono le proporzioni così poco equilibrate.


Tags: ferrari mclaren jarno trulli mercedes

Articoli Correlati