Sport E Vai  Sport e Vai
Giovedì 18 Agosto 2022
SEGUI SPORTEVAI SU

Le scuse della Goggia non bastano: la polemica sui gay continua

18/04/2022 11:11

Le scuse della Goggia non bastano: la polemica sui gay continua |  Sport e Vai

Ha capito di averla fatta grossa, dopo aver visto le sue parole su tutti i siti di informazione e le piccate repliche sui social. Non pensava Sofia Goggia di alzare un simile polverone quando alla domanda se nello sci ci sono omosessuali l'atleta bergamasca aveva risposto al Corriere della sera: "Tra le donne qualcuna sì. Tra gli uomini direi di no. Devono gettarsi giù dalla Streif di Kitz…". Come a far intendere che serve un coraggio da "uomini veri". Per poi aggiungere alla domanda successiva se è giusto far gareggiare le trans con le donne : "A livello di sport un uomo che si trasforma in donna ha caratteristiche fisiche, anche ormonali, che consentono di spingere di più non credo sia giusto

Via social la sciatrice bergamasca ha provato a fare retromarcia scrivendo

"Fa più rumore un albero che cade che una foresta che cresce. Mi dispiace e mi scuso con tutte le persone che si sono sentite offese per la frase che è uscita nell’intervista del Corriere che, sicuramente, quando l’ho pronunciata, non voleva essere di natura discriminatoria".

 

Tra i tanti commenti spicca quello di Riccardo Cucchi. La storica voce di Tutto il calcio dice: "Le scuse di SofiaGoggia sono un fatto. L' altro fatto sono i luoghi comuni dei quali si nutre il suo ragionamento. E lì credo che le scuse non bastino. Purtroppo". Anche il popolo del web non si ritiene soddisfatto dopo l'ultimo post della sciatrice: "Certamente non voleva essere di natura discriminatoria. Voleva essere solo una battuta per dire che bisogna essere veri uomini con le palle per fare lo Streif e, si sa, noi non siamo veri uomini. Con questo tweet hai pure peggiorato.." oppure: "Io credo che la frase sia uscita così poiché il tuo sentito é quello. Altrimenti non sarebbe uscita"

 

Twitter è un fiume in piena: "La frase è uscita male e era assolutamente inequivocabile e discriminatoria. Magari la prossima volta contare fino a 10 aiuterebbe ad evitare la sparata e a non fare figuracce" Non manca chi è d'accordo con lei: "Non hai detto nulla di cui scusarti, ma solo un dato evidente che è sotto gli occhi di tutti e che solo per ideologia non si vuole accettare. Io spero che decidano di affrontare la questione e risolverla in modo corretto. Ora come ora decreta la morte dello sport femminile"


Tags: Gay Goggia Cucchi

Articoli Correlati