Sport E Vai  Sport e Vai
Venerdì 30 Settembre 2022
SEGUI SPORTEVAI SU

Pirlo, un calcio alla rassegnazione: verso esclusioni eccellenti

11/05/2021 12:01

Pirlo, un calcio alla rassegnazione: verso esclusioni eccellenti |  Sport e Vai

Nel suo nome hanno litigato anche Paratici e Nedved. E per sua fortuna a prevalare è stata la linea del biondo vicepresidente. Andrea Pirlo è costantemente nella centrifuga delle polemiche ("non voglio neanche parlarne. Di gossip e di cose inventate, non voglio entrarci. Gravina? Cose esterne, da lasciare da parte. Il nostro obiettivo è meritarsi la Champions, il resto lo lasciamo agli esterni"). Il tracollo col Milan è stato l'ennesimo passo falso di una stagione terribile e che pure si può ancora parzialmente aggiustare. Serve l'imprescindibile qualificazione alla prossima Champions e il contorno della coppa Italia da vincere nella finale con l'Atalanta. Il tecnico bianconero è categorico su cosa deve fare la sua Juve

Deve fare una grande partita ma la cosa più importante è che non voglio vedere rassegnazione. Ne ho viste di tutti i colori, io ho perso una Champions vincendo il primo tempo 3-0. Abbiamo ancora possibilità di raggiungere l'obiettivo

Circola la voce che Ronaldo possa riposare, Pirlo non conferma ma neanche nega


"Non abbiamo ancora parlato di questo, ha giocato tante partite e le ha fatte bene. Vedremo come sta oggi e decideremo il da farsi, domani per noi è importante e spero di avere tutti a disposizione"

Il tecnico bianconero sa che bisogna scrollarsi da dosso quello 0-3 col Milan

C'era grande delusione, perché abbiamo perso 3-0 con il Milan. Era importante, scontro diretto. Come ho detto, abbiamo tre partite e nel calcio può accadere di tutto. Dipende da noi, speriamo che gli altri possano avere passi falsi. L'obiettivo non cambia, il calcio ti dà soddisfazioni anche all'ultimo minuto dell'ultima partita. Il pagamento dei nostri stipendi? Per ora è tutto regolare, mai sentito niente in merito a questo. Pagamenti sempre regolare, sempre stati così, andiamo avanti sereni
 

A chi lo accusa di non avere grinta Pirlo risponde così
 

"La grinta è sempre una parola che esce spesso, ma non credo sia fondamentale. Non basta dire alla squadra di mettere grinta e vinci le partite. Ho sempre chiesto un atteggiamento diverso, di avere bava alla bocca, bisogna avere il sangue alla bocca, il fuoco nello stomaco per raggiungere i risultati. Ma parlare solo di grinta è troppo ridicolo, lo si diceva 50 anni fa nel calcio, 'mettici grinta, mettici grinta', ma adesso non basta più- Riguardando i gol presi sono tutte disattenzioni. Gli ultimi, soprattutto, disattenzioni collettive. Non sono errori tattici o di reparto. Soprattutto da situazioni in cui non siamo stati concentrati. Se prendi gol da piazzato come nelle ultime gare, è solo attenzione".
 

L'allenatore della Juve assicura che sul mercato c'è sempre stata sintonia con la società

Sì c'è sempre stata, sia quest'estate sia a gennaio. Avevamo pensato di fare qualcosa mettendo un attaccante in più a gennaio ma non si è presentata l'occasione giusta. Tatticamente avevo in mente qualcosa ma ad esempio non ho messo sempre la stessa formazione anche perché non ho sempre avuto tutti. Quindi ogni partita diventava diversa da programmare e impostare

Sul futuro non vuol sentire più domande

 "Non ho paura, penso al bene della Juventus che è più importante di tutto. I risultati poi diranno se sarò ancora l'allenatore ma la Juventus viene prima di tutto e farò del mio meglio finché sarò qua".

 


Tags: juventus champions pirlo

Articoli Correlati