Sport E Vai  Sport e Vai
Domenica 4 Dicembre 2022
SEGUI SPORTEVAI SU

Napoli: Inutile rimpiangere Gabbiadini ma Sarri deve dare risposte

27/02/2017 10:52

Napoli: Inutile rimpiangere Gabbiadini ma Sarri deve dare risposte |  Sport e Vai

NAPOLI GABBIADINI SARRI –

Ogni suo gol in Inghilterra è una coltellata al cuore per i tifosi del Napoli ma anche il pretesto per nuove-vecchie polemiche: la doppietta segnata ieri da Gabbiadini al Manchester United in coppa di Lega inglese ha rispolverato antichi rimpianti. Manolo al Southampton sta recuperando tutto il tempo perso in azzurro (complice l'ostracismo di Sarri) a suon di gol mentre chi ha preso il suo posto, Pavoletti, continua ad essere un oggetto misterioso. La coincidenza è che il Napoli è rimasto all'asciutto dopo tempo immemore nel ko per 2-0 con l'Atalanta e proprio il giorno dopo Gabbiadini ha (ri)fatto il fenomeno con la sua nuova maglia ma rimpiangerlo oggettivamente non serve. S'era capito che per gli schemi di Sarri il talento del mancino faceva fatica ad entrare: sa essere prima punta, Gabbiadini, ma non per la manovra azzurra. Inutile rimpiangere il latte versato e i gol sfumati ma il Napoli ha l'obbligo di ritrovare serenità e guardare avanti visto che in otto giorni si gioca il futuro.

NAPOLI GABBIADINI SARRI REAL – Domani l'andata di semifinale di coppa Italia con la Juventus, sabato all'OIimpico la Roma che è scappata via dopo questo turno nefasto per i partenopei e martedì 7 il ritorno col Real Madrid. Tre gare quasi senza appello per capire la dimensione di una squadra osannata troppo per il bel gioco ma che sta palesando limiti tattici, fisici e caratteriali preoccupanti. Reagire ora o sarà troppo tardi, altra scelta non c'è e Sarri è chiamato a dare risposte importanti. La sensazione è che il tecnico sia un po' in confusione da Madrid in poi: le scelte di formazione sembrano improvvisate e non figlie di un turnover intelligente, i rimedi in corsa peggiori del buco e la condizione atletica calante completa un quadro da ricolorare al più presto. C'è chi gioca troppo: Insigne non si ferma da una vita, Hamsik ha fatto panchina una sola volta con l'Empoli, Callejon ne ha saltata una solo perchè prese un turno di squalifica, c'è chi non gioca mai (Giaccherini, Strinic e Rog), c'è chi è stato dimenticato o quasi (Jorginho), c'è chi da mesi è in calo netto di rendimento (Hysaj) e ci sono quei due davanti – Milik e Pavoletti – che scalpitano invano proprio mentre Mertens sta accusando qualche battuta a vuoto da punta centrale. Tanti dubbi cui Sarri è chiamato a dare soluzioni, a partire dalla gara di domani a Torino con la Juventus. Sicuramente ci saranno parecchi cambi in formazione ma che siano scelte consapevoli e logiche perchè altrimenti il rischio è di fare solo confusione. Se Gabbiadini è il passato e non serve rimpiangere i suoi gol, il presente è tutto da scrivere ma il momento è adesso. Dopo, sarebbe troppo tardi e il Napoli rischia di trovarsi fuori da tutti gli obiettivi stagionali in otto giorni.

Stefano Grandi


 


Tags: napoli gabbiadini sarri

Articoli Correlati