Sport E Vai  Sport e Vai
Mercoledì 29 Giugno 2022
SEGUI SPORTEVAI SU

Napoli, ecco Strinic: all'Hajduk fu lanciato da Reja

17/12/2014 16:53

Napoli, ecco Strinic: all'Hajduk fu lanciato da Reja |  Sport e Vai

Ivan Strinic dopo Manolo Gabbiadini. Il Napoli pare ormai davvero vicino al suo secondo colpo per il calciomercato di gennaio, il terzino croato in scadenza di contratto con il Dnipro, infatti, ha accettato la proposta degli azzurri che, a quanto pare, hanno anche risolto i problemi riguardanti la procura del giocatore. Strinic, il cui vincolo con la squadra ucraina svanirà l’ultimo giorno del 2014, dal 1 gennaio sarà molto probabilmente un giocatore del Napoli: al 27enne croato andranno 1,5 milioni di euro per quattro anni. Un contratto non di prima fascia, ma comunque importante, che conferma quello che è stato il salto di qualità del monte ingaggi del club partenopeo, ancora lontano da quello di altre big italiane, ma comunque molto più alto rispetto al passato.

COME REVEILLERE? Alcuni hanno paragonato l’ingaggio di Strinic a quello, avvenuto esattamente un anno fa, di Anthony Reveillere, arrivato a parametro zero nella scorsa stagione a causa degli infortuni rimediati da Mesto e Zuniga. Rispetto al francese, però, ci sono molte differenze: in primis la durata del contratto, che era di soli 6 mesi per il transalpino, lasciato poi libero dal Napoli a fine stagione. Strinic, inoltre, non è un giocatore a fine carriera, ma un difensore arrivato alla maturazione completa.

LANCIATO DA REJA. Cresciuto nelle giovanili dell’Hajduk, il mancino esordì nel campionato croato piuttosto tardi per quelli che sono gli standard di quel torneo, a 21 anni, ma fu in grado di recuperare il tempo perduto: lanciato come titolare dall’ex tecnico del Napoli Edi Reja nella sua breve avventura sulla panchina della squadra di Spalato, nel campionato 2009-10 Strinic riuscì a diventare anche uno dei difensori più prolifici di Croazia, segnando 4 reti. Nel 2010 giocò anche la sua prima partita in nazionale: a oggi sono 33 le presenze di Strinic con la maglia a scacchi della Croazia, di cui fa parte in maniera stabile, nonostante negli ultimi mesi il terzino abbia giocato poco con il Dnipro.

LA ROTTURA COL DNIPRO. Arrivato in Ucraina nel gennaio del 2011, Strinic è stato titolare del Dnipro per tre stagioni, scendendo anche in campo contro il Napoli di Mazzarri nella vittoria per 3-1 in Europa League della formazione ucraina del 25 ottobre 2012. Quest’anno, invece, è stato relegato ai margini per la sua scelta di non rinnovare il contratto, decisione che, però, ha permesso di fatto al Napoli di interessarsi a lui e di ingaggiarlo a parametro zero.

PERFETTO PER BENITEZ. Con Strinic, Benitez acquista un terzino molto adatto al proprio gioco. Si tratta, infatti, di un laterale abile in fase difensiva, forte di testa, ma dotato anche di buona velocità e di un ottimo sinistro. Il croato dovrebbe dare maggiore equilibrio alla retroguardia azzurra, a volte sbilanciata dalla presenza di due terzini molto offensivi, come Ghoulam e Maggio. Prima di vederlo in campo, però, i tifosi del Napoli dovranno pazientare ancora un po’: vanno risolte le ultime formalità burocratiche, poi Strinic sarà finalmente un azzurro.


Tags: benitez reja strinic Hajduk Dnipro

Articoli Correlati