Sport E Vai  Sport e Vai
Martedì 27 Febbraio 2024
SEGUI SPORTEVAI SU

Napoli, Champions: dal Bilbao al Nizza è cambiato tutto in 3 anni

12/08/2017 14:05

Napoli, Champions: dal Bilbao al Nizza è cambiato tutto in 3 anni |  Sport e Vai

Preliminari di Champions tre anni dopo: il Napoli torna ad assaporare il brivido del rischio in virtù del terzo posto dello scorso anno ma quante differenze rispetto all'agosto del 2014, quando l'Atletico Bilbao sbattè gli azzurri di Benitez in Europa League. Quel Napoli di tre anni fa era già una squadra importante ma veniva da un mese di paure e indecisioni: bloccato sul mercato, i nazionali reduci dai Mondiali, vacanze brevi e squadra non rinforzata. Si sognavano Mascherano e Di Maria, si giocò con Britos e Gargano. Non c'era più Reina, andato via al Bayern, e tra i pali c'era Rafael, il volto nuovo era...Michu che entrò nella ripresa e sbagliò un gol clamoroso, la panchina non era composta come oggi da giocatori come Diawara, Zielinski e Milik ma c'erano Mesto e Inler. Oltre alla qualità della rosa, assai inferiore tre anni fa, è cambiato tutto adesso. Contro il Nizza mercoledì il Napoli parte da una superiorità mentale, da un'autostima che all'epoca non aveva. Quel Napoli era deluso (negli uomini chiave come Higuain, ad esempio, cui era stata promessa una campagna acquisti da scudetto e si ritrovò una squadra poco attrezzata), preoccupato e spaventato. Questo Napoli ha la convinzione di essere più forte, si diverte, ha fatto tutta la preparazione con tutti gli effettivi, non è scosso da voci di mercato. Quello di tre anni fa sperava di passare il turno per completare la rosa ma sapeva che uscendo non sarebbe stato acquistato nessuno, questo di oggi non ha questi timori. Comunque vada non si muoverà nessuno dei big. E poi stanno bene tutti o quasi, da Mertens che anche con l'Espanyol è parso brillante, a Ghoulam, da Jorginho a Insigne. L'unico che ancora stenta è Hamsik ma il capitano per l'appuntamento più importante si farà trovare pronto. E se tre anni fa giocare l'andata in casa fu un indubbio handicap, stavolta potrebbe essere un vantaggio visto che il Nizza non recupererà in tempo i suoi uomini migliori, Balotelli e Sneijder, e considerato che nelle due gare di Ligue1 è parso imballato. Le premesse, insomma, sono completamente diverse. Bilbao è il passato remoto, Napoli si vede già nella Champions a gironi.

Stefano Grandi


Tags: napoli athletic bilbao nizza

Articoli Correlati