Sport E Vai  Sport e Vai
Lunedì 15 Agosto 2022
SEGUI SPORTEVAI SU

Napoli, Benitez: Mourinho parla solo ma al Real non vinse la Champions

29/03/2014 12:56

Napoli, Benitez: Mourinho parla solo ma al Real non vinse la Champions |  Sport e Vai

Cos’è la sfida contro la Juventus per Napoli Benitez l’ha capito presto e in questi giorni gli è stato sufficiente girare per strada per avvertire una tensione particolare, a prescindere da un campionato che sembra senza più obiettivi con il terzo posto semi-blindato e il secondo semi-irraggiungibile. Il tecnico azzurro ammette: “Si sente quanto è importante, sappiamo che è una squadra forte e tutti vogliono batterla. Sono tre punti importanti per i nostri obiettivi ma è speciale, è vero. Non mi aspettavo di arrivare con questo distacco dalla Juve ma la loro rosa è superiore, è quella che fa la differenza”. Tra le due squadre ballano 20 punti: “La distanza reale non è questa secondo me, abbiamo avuto infortuni e problemi che hanno inciso, ci hanno portato a fare errori. Come si batte la Juve? Un modo c’è, sicuro, la chiave nostra è l’atteggiamento, fare un gioco di qualità. Poi i tifosi ci aiuteranno, sarà difficilissimo ma abbiamo fiducia. In futuro non so se potrà essere una sfida scudetto ma sicuramente dobbiamo puntare a questo. La nostra rosa sta facendo una stagione buona ma abbiamo visto che Juve e Roma stanno facendo meglio. Per gestire meglio alcune partite serve più qualità e più convinzione in alcune gare, per giocare sempre a livelli altissimi come in Champions e non come abbiamo fatto in altre gare, fa parte della crescita. Abbiamo perso circa 8 punti che potevano fare la differenza. Mentalità vincente e cattiveria possono fare la differenza. Adesso deciderò con Bigon cosa fare del futuro”. Il discorso scivola dunque sul mercato: "Noi lavoriamo con l'idea di trovare giocatori di livello per puntare al massimo, al di là del denaro che abbiamo. Pensiamo sempre a cosa abbiamo bisogno. Non è la stessa cosa portare un calciatore a Londra, a Madrid o a Napoli. Noi sappiamo questo, dobbiamo puntare calciatori di livello cercando di curare il Fair Play Finanziario. Sappiamo in cosa migliorare. Vanno undici in campo e con diciotto si può far bene. Con tre o quattro giocatori importanti cresciamo. Il Napoli deve continuare a crescere e non deve essere solo una squadra che punta a vincere ogni 25 anni una coppa. La Juve è superiore ora perchè hanno un fatturato che consente di comprare ogni anno i migliori giocatori ". Arbitrerà Orsato, che diresse Roma-Napoli all’andata tra qualche polemica ma Benitez non abbocca: “Che ho da dire? La stessa cosa che dico sempre: dobbiamo solo aiutare gli arbitri ma loro sono bravi”. Mourinho è tornato a polemizzare ieri, accusando il Chelsea di Benitez di aver deluso. La replica è piccata: “Lui parla molto, a me piacciono i fatti. Noi con il Liverpool che aveva la metà del valore del Chelsea abbiamo vinto la Champions, lui è stato tre anni al Real e non ha vinto la Champions e parla ancora”. Tra i convocati c’è anche Mertens (“sta bene ed è disponibile”) che potrebbe giocare dal 1’, a volte l’attacco viene criticato per i troppi gol falliti. Benitez chiarisce: “Devo ricordare una cosa: noi dobbiamo migliorare in tutti i reparti, io per primo posso fare di più ed anche i giocatori ma parliamo del secondo miglior attacco del campionato. Se abbiamo 5 palle gol dobbiamo fare almeno 3 gol, arrivando con più chiarezza davanti alla porta e mostrando maggior precisione”.

 

Stefano Grandi

 


Tags: juventus napoli chelsea mourinho benitez bigon orsato mertens

Articoli Correlati