Sport E Vai  Sport e Vai
Mercoledì 22 Settembre 2021
Scitec Nutrition - Integratori Scitec in offerta
SEGUI SPORTEVAI SU

Moratti rivela aneddoto dopo acquisto Ronaldo

16/03/2021 12:16

Moratti rivela aneddoto dopo acquisto Ronaldo |  Sport e Vai

Se Ronaldo "il fenomeno" ha fatto sognare l'Inter inventando gol e magie fin quando ha vestito la maglia nerazzurra, un po' di merito ce l'ha...l'autista di Massimo Moratti. L'ex presidente dell'Inter è uno degli intervistati del documentario "Fenomeno Ronaldo" realizzato da Matteo Marani per Sky Sport per raccontare l'arrivo del brasiliano nell'estate precedente alla stagione 1997/'98. Moratti rileva tanti aneddoti

"Una stagione in cui avevamo giocatori talmente forti che prendevi dalla panchina e sapevi di avere lo spettacolo più bello del mondo. Era una felicità andare alla partita. Simoni ha saputo trattare in maniera semplice i grandi giocatori. Dando in campo il ruolo giusto. Avevo la convinzione che l'Inter fosse talmente forte con Ronaldo da dover vincere tutto".

L'ex patron nerazzurro ricorda come arrivò all'acquisto del brasiliano


"Portare Ronaldo all'Inter era una questione di tifo. Ho iniziato a pensare di prenderlo dopo una partita a Firenze, che perdemmo. Io ho lo stesso autista da 50 o 60 anni, venendo via dalla partita mi diceva che qui una volta si usciva dallo stadio e ci applaudivano, brontolando un po'. Per rispondere anche un po' arrabbiato dopo la partita dissi che avremmo preso Ronaldo. Non fu solo una battuta, da quel momento cominciai a seguire il discorso Ronaldo. Stavo andando a Padova a una riunione di Antonveneta. Ricevetti una telefonata da Branchini e mi disse che l'operazione era conclusa. Andai immediatamente da Sant'Antonio a ringraziarlo. Festeggiamo in banca".

Prima di Ronaldo l'Inter stava comprando un altro brasiliano super


"Pelé lo avvicinammo poco prima che diventasse tale dopo i campionati del mondo in Svezia del '58. In pratica il presidente del Santos disse di sì. Quando dovevamo chiudere il presidente chiamò dicendo che gli avevano bruciato la sede e non sapevano come fare. Mio padre disse che giustamente c'era di mezzo la vita e non c'era da preoccuparsi".

 


Tags: inter moratti ronaldo

Articoli Correlati