Sport E Vai  Sport e Vai
Lunedì 26 Luglio 2021
Scitec Nutrition - Integratori Scitec in offerta
SEGUI SPORTEVAI SU

Lukaku: Vi dico che ne penso delle critiche

23/06/2021 16:13

Lukaku: Vi dico che ne penso delle critiche |  Sport e Vai

Il bomber del Belgio e dell'Inter Lukaku ha concesso una breve Q&A via social ai tifosi nerazzurri e non solo. Queste le risposte principali

Qual è il tuo obiettivo per il 2021?

Stare in salute e lavorare duro.

Un consiglio ad un giovane che vuole fare il calciatore?

Lavoro duro e credere in te stesso.

Il miglior momento all'Everton?

Il debutto in casa con il Newcastle, l'ho amato.

L'influenza dei tuoi genitori com'è stata? Com'è essere un giocatore del Belgio?

La disciplina era forte in casa nostra ma loro hanno sempre creduto in me dal primo giorno. Rappresentare il Belgio a questi livelli per me significa molto.

Che ne pensi dell'Europeo senza un paese ospitante?

Mi piace molto, è diverso.

Come ti comporti con tutte le critiche ingiuste?

Per essere onesto non me ne frega un c...o. Io penso al mio lavoro dietro le quinte, questo spiega la mia mentalità. Provo sempre a migliorare e, più importante, a vincere le partite.

Ti piacerebbe giocare in un club con tuo fratello Jordan?

Certamente.

Il difensore più duro affrontato?

Kompany mi conosce molto bene (ride, ndr).

 

Hai un obiettivo per quanto riguarda i gol internazionali?

Io voglio solo vincere.

Quale altro ruolo di piacerebbe se non fossi attaccante?

Sono sempre stato solo attaccante.

Il cambio da Manchester a Milano?

Sono due grandi città. Solo il gioco è differente, in Italia devi usare molto di più il cervello: è qualcosa che dicevano io non sapessi fare.

Il tuo momento preferito in carriera?

Questo:

Il tuo gesto tecnico preferito?

Il doppio passo.

Come sei diventato un attaccante più cinico all'Inter?

La Serie A è molto difficile tatticamente. Ogni partita è diversa e a volte hai solo un'opportunità a partita, quindi devi coglierla.

 

Chi ti ha creato più problemi in merito alla tua forza?

Non mi è mai piaciuto giocare spalle alla porta. Antonio Conte mi ha fatto vedere cosa potevo fare per la squadra: e anche per me stesso!

La quarta maglia dell'Inter?

La adoro.

Ti piace la Turchia?

Si, non ne ricordo molto ma tornerò a visitarla.

Magnani è il difensore più forte affrontato in Serie A? E' riuscito a tenerti testa.

Questo è il motivo per cui è stato sostituito all'intervallo.

Henry quanto ti ha aiutato?

Lui è quello di cui ho bisogno, ma tutta la squadra sta traendo benefici dai suoi consigli.

Il rigore sbagliato in Supercoppa col Chelsea?

Brutto ricordo ma mi ha reso più forte: più determinato e più vincente.

Tuo figlio sarà un calciatore?

Voglio che sia felice.

Eri più alto di tutti quando giocavi da piccolo?

Fino a 14 anni, quando poi ho cominciato a giocare con i più grandi.

Il tuo gol preferito con l'Inter?

Amo ogni gol.

Ti mancherà Ashley Young?

Certo, è tra i migliori 5 compagni mai avuti.


Tags: inter lukaku young

Articoli Correlati