Sport E Vai  Sport e Vai
Mercoledì 3 Marzo 2021
Scitec Nutrition - Integratori Scitec in offerta
SEGUI SPORTEVAI SU

Juve: Arthur non basta, per Discreti serve altro

27/06/2020 08:52

Juve: Arthur non basta, per Discreti serve altro |  Sport e Vai

Il count-down per Arthur dice -3- Entro il 30 giugno lo scambio con Pjanic dovrà essere ufficializzato dalla Juventus e dal Barcellona: un sol giorno in più farebbe crollare il castello di plusvalenze da inserire a bilancio ma l'impressione è che ormai sia tutto fatto. Che però Arthur sia un elemento sufficiente a colmare le lacune a centrocampo è da vedere, almeno secondo Stefano Discreti. Il giornalista esperto del mondo bianconero su SportMediaset avanza dei dubbi. Questi i passaggi principali del suo intervento in cui elogia la fase difensiva (nel post lockdown zero gol subiti) grazie anche ad un De Ligt sempre più padrone del reparto ma sottolinea che è ancora il centrocampo a non convincere sino in fondo. Pjanic sembra ormai avere la testa altrove, è evidentemente arrivato a fine ciclo a Torino. Matuidi  cerca sempre di compensare le evidenti lacune tecniche con l’agonismo, alternando però i risultati. Rabiot continua ad essere un corpo estraneo nel gioco di Sarri. Il solo Bentancur, in questo momento, continua a garantire un rendimento positivo costante. Troppo poco.

Arthur non è un top-player per Discreti

E’ notizia di questi giorni che l’inseguimento bianconero ad Arthur del Barcellona ha prodotto i risultati sperati da parte della dirigenza bianconera. Se qualcuno si aspetta però che il calciatore brasiliano possa cambiare il centrocampo juventino si sbaglia di grosso. Arthur è sicuramente un buon giocatore, dotato di una distinta tecnica ed un ottimo possesso palla, ma non è un top player su cui porre le basi per ricostruire il reparto di centrocampo del futuro. Fosse un fenomeno, il Barcellona se lo terrebbe ben stretto. 

Arthur non può far sognare i tifosi

L'acquisto di Arthur in chiave bianconera si può quindi leggere prevalentemente per due necessità: quella di ringiovanire una rosa vecchia, obsoleta e quella di raddrizzare un bilancio (attraverso una corposa plusvalenza) altrimenti in grande difficoltà e non solo per gli effetti devastanti del Covid-19. Senza uno scambio supervalutato come quello con Pjanic, con sovrastima reciproca dei cartellini, dubitiamo fortemente che la Juventus sarebbe andata a trattare Arthur  sulla base di una valutazione di circa 70 milioni di euro (ingaggio escluso). Con difesa e attacco calibrati al meglio, nonostante un gioco non sfavillante, a Sarri adesso manca il solo centrocampo da regolare, ma non sarà per nulla facile. Non sarà certo però il nome di Arthur a cambiare le carte in tavola e far sognare i tifosi bianconeri…


Tags: arthur pjanic Calciomercato Juventus

Articoli Correlati

Questo sito fa uso di cookie.
Continuando la navigazione su questo sito web (quindi cliccando sul pulsante "PROSEGUI NELLA NAVIGAZIONE" o cliccando all'esterno di questa area) si autorizza l'impiego di cookie.
Per informazioni dettagliate sull'impiego dei cookie in questo sito web invitiamo a cliccare su "Maggiori informazioni".Qui è anche possibile revocare l'autorizzazione all'impiego di (alcuni) cookie presenti.

PROSEGUI NELLA NAVIGAZIONE