Sport E Vai  Sport e Vai
Martedì 23 Aprile 2024
SEGUI SPORTEVAI SU

Inter, Bergomi: Ecco cosa direi ai ragazzi se fossi ancora il capitano

24/09/2022 09:19

Inter, Bergomi: Ecco cosa direi ai ragazzi se fossi ancora il capitano |  Sport e Vai

Quella fascia non la indossa da diverso lustri ma se oggi Beppe Bergomi tornasse ad essere il capitano dell'Inter saprebbe cosa dire nello spogliatoio. E lo rivela a Tuttosport


Punterei molto sul senso d'identità e appartenenza, sul Dna nerazzurro. Va ritrovata l'anima. Da capitano cercherei di essere ancora di più d'esempio, dicendo a tutti: "Ragazzi, va bene la preparazione fisica, ma ognuno deve fare qualcosa in più". Bisogna ritrovare la voglia di rifiutare la sconfitta e va fatto attraverso un lavoro specifico. E poi chiederei un aiuto alla gente. Va ritrovata la voglia di creare un gruppo, di lottare su ogni pallone, di non allargare le braccia, di avere pazienza, di aiutare la linea difensiva.

Quando vedo certi atteggiamenti in determinati giocatori sono preoccupato. Perché se sei un leader dello spogliatoio, uno dei più rappresentativi, e questi gesti li fai tu, allora capisci che qualcosa non funziona.

«Può essere perché la rivalità con il Milan si è acuita molto e magari se la sentono dentro, questa sconfitta. Anche ai tempi quando vedevamo che dall’altra parte le cose andavano bene, un po' di fatica la facevamo. A quel punto o reagivi, come successo con lo scudetto del Milan di Sacchi nel 1988 e la nostra risposta la stagione successiva, oppure come oggi rischiavi di rimanere in balia e deprimerti».

«In estate ho pensato: l'Inter senza Perisic perde molto, perché in Europa un giocatore come lui non c'è, un attaccante che gioca tutta fascia, che fa assist e 7-8 gol. Però dall'altra parte con Lukaku, l'Inter ritrova in rosa un giocatore che l'anno scorso non aveva, che dà profondità, fisicità e leadership. Dunque aspetterei ancora a tirare le somme».


Tags: inter capitano bergomi

Articoli Correlati