Sport E Vai  Sport e Vai
Lunedì 6 Febbraio 2023
SEGUI SPORTEVAI SU

Inter: Basso profilo e niente coppe, che sia l’anno buono?

14/09/2015 16:02

Inter: Basso profilo e niente coppe, che sia l’anno buono? |  Sport e Vai
Prima a punteggio con nove punti, frutto di tre vittorie sofferte – le prime due con gol allo scadere, quella nel derby dopo una battaglia fino alla fine – l’Inter non si sente la favorita per lo scudetto, nonostante il +2 sulla Roma e il +8 sulla Juventus campione d’Italia. La rivoluzione attuata da Mancini, che ha cambiato completamente la squadra questa estate, rinnegando anche scelte fatte nello scorso mercato di gennaio (come Shaqiri) o talenti come Kovacic, sta pagando e l’ottimismo nel clan nerazzurro è giustificato anche dal fatto che i nuovi arrivi ancora devono dare il meglio (Perisic su tutti) visto che va dato loro il tempo di ambientarsi. Intanto però Jovetic sta fornendo il suo contributo, Felipe Melo è già un idolo e si aspettano ancora i gol di Icardi, in ombra contro il Milan, e i progressi dei vari Kondogbia, Murillo e Miranda. Mancini ha scelto il basso profilo e predica prudenza ma intanto lavora al suo progetto, forte di un vantaggio che le altre concorrenti non hanno. Se Juve e Roma avranno l’onore/onere di affrontare la Champions, per l’Inter non ci sono coppe europee quest’anno. Uno svantaggio per le casse sociali e per il prestigio internazionale ma un’occasione d’oro per concentrarsi solo sullo scudetto che manca dai tempi del Triplete di Mourinho. LA SETTIMANA TIPO - Mancini ha la possibilità di lavorare con la settimana-tipo e potrà trovare prima di altri la definitiva quadratura del cerchio tattico, che al momento lamenta ancora qualche disfunzione. Intanto ha ritrovato anche un protagonista che sembrava finito nel dimenticatoio, quel Fredy Guarin decisivo nel derby con un eurogol da urlo e che a Premium Sport ha rivelato: “Ieri è stato un giorno speciale, bellissimo. Non sono riuscito a dormire molto, ma è normale dopo una partita emozionante. Mi sono svegliato con una motivazione in più. Ho dedicato il gol ai miei figli e a Max Della Casa, che ha passato un momento difficile-Ovviamente la dedica va anche al presidente, che ci ha sostenuto dall'Indonesia insieme a un grande gruppo di tifosi- Nel momento più difficile della sua avventura con l'Inter, è stato il primo a metterci la mano e il cuore. Ci ha sostenuto e ci ha dato le motivazioni necessarie per andare avanti nel modo giusto. La vittoria è per lui. Speriamo di andare avanti così e di vincere qualcosa alla fine". Un elogio a Thohir è arrivato anche dall’ex presidente, Massimo Moratti: "Lo sentirò e gli farò i complimenti per il mercato. Siamo felici. Siamo ottimisti per il fatto che abbiamo visto dei gran bei giocatori e per il fatto che la squadra sta iniziando a giocare bene. Sono meravigliato dell'utilità di Felipe Melo, faccio i complimenti a Mancini per aver insistito nel volerlo". Stefano Grandi     

Tags: inter moratti mancini champions Melo guarin

Articoli Correlati