Sport E Vai  Sport e Vai
Giovedì 20 Gennaio 2022
SEGUI SPORTEVAI SU

Ex arbitro playoff Avellino-Napoli rivela retroscena sulla partita

03/05/2020 15:09

Ex arbitro playoff Avellino-Napoli rivela retroscena sulla partita |  Sport e Vai

Sul suo profilo Facebookl e su twitter l'ex arbitro Luca Marelli ricorda una delle partite più importanti che diresse in carriera, la finale di ritorno dei playoff di serie C del 2006 tra Avellino e Napoli. All'andata al San Paolo era finita 0-0. Ecco alcuni stralci con i retroscena del match: "La gara inizia ed è subito una battaglia: la posta in gioco è altissima, non è solo un derby ma anche una gara senza appelli, chi vince sale in B, chi perde verrà condannato ad un'altra stagione nella palude della Serie C. Dopo mezz'ora ho già quattro ammoniti sul taccuino.
Mi avvicina Sosa:
"Marelli, se andiamo avanti così finiamo in pochi"
"Finitela di menarvi come fabbri e smetto di ammonire"
"Hai ragione".
Sul 2-1 per l'Avellino concedo sei minuti di recupero ed al 50esimo e 45 secondi i tifosi dell'Avellino la combinano grossa: ingannati da un triplice fischio giunto dalle tribune si riversano in campo a centinaia.
Caressa, telecronista di Sky (seconda voce Altafini), dirà:
"L'arbitro ha mantenuto una grandissima calma". In realtà ero terrorizzato: non certo dal rischio personale (nessuno si avvicinò a me) ma per il timore che i tifosi dell'Avellino potessero entrare in contatto con quelli avversari.
Ci vollero sei minuti per sgomberare il campo e Reja mi chiese di recuperare tutto.
Naturalmente non potevo rispondere che nell'unico modo possibile:
"Mancano quindici secondi alla fine e quindici secondi si giocheranno".
La gara riprenderà e dopo quindici secondi fischio la fine, cercando di recuperare velocemente la via degli spogliatoi mentre il campo viene invaso da centinaia di tifosi
L'Avellino conquista la Serie B, il Napoli aspetterà un anno (ma dominerà il girone nella stagione successiva).

Una mezz'ora circa dopo mi chiamò una persona che mi aveva sempre seguito a distanza: Italo Novi, uno degli organi tecnici avuti negli anni precedenti e che è stato sempre presente, anche nei momenti di difficoltà. Al telefono esplosi in un pianto liberatorio: era stato un anno magnifico ma terribilmente difficile per una serie di motivi.
Chiusi così la mia esperienza in Serie C, con 64 presenze in C/1 e 34 in C/2.
 


Tags: napoli avellino sosa

Articoli Correlati