Sport E Vai  Sport e Vai
Venerdì 23 Luglio 2021
Scitec Nutrition - Integratori Scitec in offerta
SEGUI SPORTEVAI SU

Euro 2016, Loew: Italia forte ma non abbiamo traumi né paure

28/06/2016 12:40

Euro 2016, Loew: Italia forte ma non abbiamo traumi né paure |  Sport e Vai

Voltandosi indietro ci sarebbe da aver paura. Se la Spagna era diventata la nostra bestia nera negli ultimi anni, prima dell'impresa di ieri, è dal 1970 che per la Germania i colori azzurri fanno paura. Un vero incubo per i tedeschi che da quel celebre 4-3 di Mexico '70 hanno sempre visto i sorci...azzurri contro l'Italia. Successe nella finale del Mundial '82 a Madrid, ma anche in tempi più recenti a partire dalla semifinale mondiale del 2006 che ci spalancò le porte per il trionfo di Berlino per finire alla semifinale degli Europei 2012 quando Balotelli si travestì da Hulk per abbattere i tedeschi. In primavera l'ultimo precedente: 4-1 in amichevole ma il ct della Germania Loew assicura di non soffrire di complessi di inferiorità: “Non esiste nessun trauma-Italia. Non abbiamo paura, ma fiducia nelle nostre capacità. E delle ultime sconfitte non mi interessa. La sconfitta in semifinale di 4 anni fa? Tutti sbagliano: io volevo ingabbiare Pirlo e col senno di poi va detto che il piano non ha funzionato e mi prendo la responsabilità. Quel giorno nessuno ha giocato come avrebbe potuto. Ma quella sconfitta ha aiutato la mia crescita personale, anche al Mondiale 2014. Per me è stata una buona lezione". Loew però esalta il collettivo di Conte: “Non è l'Italia che siamo abituati a vedere e penso che sia anche più forte del 2008, del 2010 e del 2012: non sono focalizzati solo sull'aspetto difensivo, ma sono pericolosi anche davanti. Sarà una gara dura, difendere è nel loro dna, chiudono così tanto gli spazi con nove o dieci giocatori, che persino una squadra come la Spagna ha avuto problemi. Anche senza Pirlo hanno degli automatismi definiti. Buffon dà sempre grande sicurezza, i difensori sono sintonizzati gli uni con gli altri, a centrocampo ci sono tutti giocatori che difendono. A me piace molto De Rossi, è un giocatore molto intelligente e dà equilibrio. E poi sono psicologicamente tutti forti: non vanno mai nel panico. Dovremo evitare di concedere loro il contropiede". Nella Germania schiacciasassi che non ha ancora subìto reti a Euro 2016 c'è un neo davanti, con Müller ancora senza gol: “È un vincente e vuole sempre vincere. Ora attraversa una fase in cui non sta segnando, ma gli ho detto che sono comunque contento di lui per come sta giocando".


Tags: euro 2016 loew germania

Articoli Correlati