Sport E Vai  Sport e Vai
Giovedì 23 Settembre 2021
Scitec Nutrition - Integratori Scitec in offerta
SEGUI SPORTEVAI SU

Dualismo con Mou, differenze Lazio-Juve e caso Luis Alberto: è Sarri show

09/07/2021 13:29

Dualismo con Mou, differenze Lazio-Juve e caso Luis Alberto: è Sarri show |  Sport e Vai

Si presenta come allenatore della Lazio ma la prima domanda è sulla Roma di Mourinho. Comincia così, con un siparietto in conferenza stampa, l'avventura di Maurizio Sarri alla guida della formazione biancoceleste. Tanti gli spunti offerti dal confronto con i giornalisti a Formello, dalla sfida nella sfida contro Mou al passato in bianconero.

Lazio, parla Sarri

Ecco uno stralcio della conferenza stampa del nuovo tecnico della Lazio:

“Dualismo con Mourinho? Non lo vedo. L’ho conosciuto, è un personaggio simpatico. Non sento il dualismo, ha vinto più di me, ha un curriculum più importante del mio ma non vuol dire nulla. Nel derby faremo di tutto per vincere. Non ho grandi citazioni da fare, citerò più me stesso. Ho detto ai ragazzi: voglio vedere una squadra con spirito di sacrificio durante la settimana per divertirsi alla domenica, che giochi un calcio di predominio, che sia una squadra affamata. Ci sono i presupposti per farlo. Il primo motivo per cui sono qui è che ho intravisto in questa società la possibilità esprimere le mie caratteristiche. Ci manca qualcosa dal punto di vista sportivo, per quello che piace a me. Ma vedo i presupposti per vedere il calcio che piace a me. La Lazio arriva nel momento giusto. Avevo bisogno di queste caratteristiche. Qui ci sono le possibilità giuste".

Quindi sulle differenze tra Juventus e Lazio:

"Le squadre sono entità astratte, mentre le società sono fatte di persone. Parlare di Juve e Lazio in maniera generale è diverso. Deduco che queste persone, alla Lazio, siano adatte a me. Poi vedremo. Il percorso non sarà semplice. Nelle fasi iniziali, con squadre nuove, ho fatto sempre fatica. Ma se hai le idee giuste e vuoi far passare un certo tipo di calcio è inevitabile che sia così. Giocare un certo tipo di calcio è una filosofia, non schemi freddi. Un modo di pensare per far diventare naturale un certo tipo di gioco. Mettere insieme 25 cervelli e sposare una filosofia non è facile. Spero che vedremo il calcio divertente, quello che mi fa andare a casa contento a prescindere dal risultato. L'obiettivo numero uno è divertirsi. Parte dall’allenatore, poi si diverte il calciatore".

Chiusura sul caso Luis Alberto:

"Non ha risposto ad una convocazione, è un problema gestionale e societario. Dal punto di vista morale deve parlare con me e coi compagni. E ci deve convincere. Altrimenti dovrà chiedere scusa a me e agli altri".


Tags: juventus lazio sarri

Articoli Correlati