Sport E Vai  Sport e Vai
Martedì 20 Aprile 2021
Scitec Nutrition - Integratori Scitec in offerta
SEGUI SPORTEVAI SU

Criscitiello: Promossi Lotito e Gravina, bocciati Spadafora e Tommasi

01/06/2020 08:24

Criscitiello: Promossi Lotito e Gravina, bocciati Spadafora e Tommasi |  Sport e Vai

Ora che il calcio è pronto a ripartire arrivano le pagelle di Michele Criscitiello. Nel suo editoriale per Tmw il direttore di Sportitalia elenca promossie bocciati. Questi i passaggi significativi:

Primo promosso: Gabriele Gravina, Presidente FIGC.
Non era facile gestire questa emergenza. Da una parte aveva 20 imprenditori che ragionano, spesso, con una testa poco imprenditoriale. Dall'altra parte un Governo miope che si è rivelato il primo nemico del calcio. Gravina ha retto bene l'urto.
Promosso anche Claudio Lotito, il vero artefice della ripartenza. Ha cambiato la sua strategia mediatica. Meno spocchioso, meno protagonista ma il vero padrone del palazzo. A Roma vive di politica e, come disse La Russa, comanda più Lotito di Spadafora.
Promossi anche allenatori (Ulivieri) e arbitri (Nicchi e Rizzoli). Tutti in silenzio in attesa della decisione. Una volta ricevuto l'ok senza troppe chiacchiere si sono fatti trovare pronti.
Gli sconfitti.
Il più grande sconfitto di questa vicenda è il Ministro dello Sport, Vincenzo Spadafora. Si è bruciato, anzi, si è ustionato con il pallone e politicamente ne esce devastato come lo era la sua faccia giovedì scorso all'annuncio della ripartenza. Non voleva la ripartenza, Spadafora, ma tempistiche, affari e politica lo hanno messo nell'angolo. Ha trattato il calcio come un problema e invece in Italia la gente sogna e vive di pallone. Persa la battaglia sulla ripartenza ne sta facendo un'altra, altrettanto folle, sul calcio in chiaro andando contro una Legge (la Melandri) che stabilisce delle regole chiare. 

Bocciato Damiano Tommasi, Presidente Aic. A fine mandato non ne ha indovinata una. Dal taglio agli stipendi agli orari delle partite.
Infine un passaggio sulla grande riforma del calcio che molte società auspicano che avvenga subito. Gravina, intervenuto all'ultimo consiglio di Lega Pro, ha confermato la volontà di fare la riforma ma sarebbe propenso a farla tra un anno. Grave errore: se va fatta non bisogna aspettare.


Tags: lotito ministro damiano tommasi

Articoli Correlati

Questo sito fa uso di cookie.
Continuando la navigazione su questo sito web (quindi cliccando sul pulsante "PROSEGUI NELLA NAVIGAZIONE" o cliccando all'esterno di questa area) si autorizza l'impiego di cookie.
Per informazioni dettagliate sull'impiego dei cookie in questo sito web invitiamo a cliccare su "Maggiori informazioni".Qui è anche possibile revocare l'autorizzazione all'impiego di (alcuni) cookie presenti.

PROSEGUI NELLA NAVIGAZIONE