Sport E Vai  Sport e Vai
Martedì 3 Agosto 2021
Scitec Nutrition - Integratori Scitec in offerta
SEGUI SPORTEVAI SU

Corso, Moratti spiega perché era unico, Spillo lo piange

20/06/2020 13:03

Corso, Moratti spiega perché era unico, Spillo lo piange |  Sport e Vai

Corso nel ricordo di Massimo Moratti

"La particolarità di Corso è quella di essere stato un calciatore eccezionale: inventava calcio ed è stato per le emozioni che dava ai tifosi il numero uno. Tutte le nazionali del mondo lo avrebbero voluto". Anche a Radio Sportiva l'ex presidente dell'Inter Massimo Moratti - che aveva già detto la sua sui social - ha voluto ricordare la figura di Mario Corso, scomparso nelle ultime ore: "Corso era una persona schiva ma amante della libertà, e questo aspetto lo esprimeva nel calcio, uscendo dagli schemi e mettendo in condizione la squadra di vincere tanti trofei".

"Corso è stato uno dei protagonisti della grande Inter - ha proseguito Moratti -  ed era amato per il suo carattere e la sua arte. Lui ha fatto anche l'allenatore, era bravo ma il suo amore era per l'Inter e quindi preferiva vivere a Milano rimanendo vicino alla società. Il bello di Corso è che ti inventava una finta che non avei mai visto prima: era continuo, ha giocato tantissime partite ed è difficilissimo confrontarlo con qualche altro giocatore, era un pezzo unico. Aveva molto buon senso ma era appassionato di calcio e quello che a lui piaceva era indicare giocatori giovani che vedeva in giro e che avessero almeno un po' di classe. Se ne va un altro pezzo di un calcio di altri tempi"

Corso nel ricordo di Altobelli

La morte di Corso ha scosso tutti, anche Spillo Altobelli. L'ex bomber nerazzzurro lo ha ricordato postando sui social una foto che  lo ritrae assieme a Luis Suarez e Bedy Moratti e ha scritto. "Noi ti ricordiamo così grande Mario, per noi Interisti sei immortale come i tuoi calzettoni giù e la Foglia Morta. Mario, grazie per averci insegnato come si gioca al calcio, adesso puoi tornare dal tuo Maestro, R.I.P. Mancino di DIO!!! AMALO!!!".

Corso nel ricordo di Javier Zanetti e Roberto Beccantini

Su Corso ha voluto scrivere un messaggio di cordoglio sui canali social anche il vicepresidente dell'Inter, Javier Zanetti: "Un pensiero di vero cuore per una splendida persona, un mito della nostra Inter. Ricorderò sempre tanti bellissimi momenti insieme. Ciao Mario". Con lui anche la storica firma de La Stampa, Roberto Beccantini "Se Sivori ti sbatteva in faccia la palla come una mamma il suo pargolo, Corso la nascondeva a passetti corti, salvo irridere l'avversario con un tocco d'esterno".

 


Tags: moratti alessandro altobelli corso

Articoli Correlati