Sport E Vai  Sport e Vai
Lunedì 20 Settembre 2021
Scitec Nutrition - Integratori Scitec in offerta
SEGUI SPORTEVAI SU

Carragher rosica ancora: difende Southgate e attacca Mancini

27/07/2021 12:44

Carragher rosica ancora: difende Southgate e attacca Mancini |  Sport e Vai

In Inghilterra stanno ancora rosicando per la sconfitta nella finale di Euro 2020 contro l'Italia. Tra le varie analisi che, quotidianamente, gli opinionisti inglesi dedicano alla cocente sconfitta, spicca quella di Jamie Carragher. L'ex capitano del Liverpool, oggi tra i più autorevoli commentatori calcistici in patria, dalle colonne del Telegraph difende l'operato del Ct Southgate e critica, neppure troppo velatamente, il "pragmatismo" di Mancini. 

Euro 2020, l'editoriale di Carragher

Ecco alcuni stralci dell'articolo di Carragher:

"Il pragmatismo funziona. Un calcio prudente produce successi. L’ho sostenuto dal mio primo intervento su Euro 2020 e nonostante un’altra sconfitta demoralizzante, nulla nelle ultime quattro settimane mi ha fatto cambiare idea. L’Inghilterra non ha perso la finale perché sono stati troppo difensivi o hanno mancato di ambizione. Hanno perso perché quando hanno portato l’Italia dove volevano sull’1-0, non sono stati poi abbastanza efficaci in contropiede. Col vantaggio di una rete, la strategia di gara spesso si evolve in una di organizzazione difensiva concentrata, in cui si attende il momento giusto per spingersi in avanti. Non è sempre programmato, è semplicemente l’evoluzione di una partita. L’Italia l’ha fatto con la Spagna, ha funzionato e nessuno ha accusato Mancini. Sono stati pragmatici quando la situazione l’ha richiesto".

Tra i presunti 'pragmatisti', Carragher inserisce pure Tuchel:

"Ecco perché il mio pensiero prima del calcio d’inizio era che l’Inghilterra doveva necessariamente segnare per prima. Con l’Italia in vantaggio, Chiellini e Bonucci avrebbero occupato quella posizione in cui eccellono entrambi, davanti alla propria area assicurandosi che nessuno gli vada alle spalle. Tuchel è stato osannato per aver battuto Guardiola col contropiede. Il vantaggio dell’Italia era a centrocampo, dove sia Jorginho che Verratti erano in grado di dettare il tempo di gioco. Nonostante l’Inghilterra non fosse in grado di limitarli, ha comunque evitato che riuscissero a penetrare nella difesa: il pari, seppur meritato, è stato anche un po’ fortunato. In sette gare comunque l’Inghilterra ha concesso solo due gol, entrambi da calcio piazzato. Hanno calciato 58 volte rispetto alle 108 dell’Italia, segnando 11 gol contro 13. L’Italia è stata più creativa e non si può incolpare Southgate del fatto che non abbia a disposizione Jorginho o Verratti. Si lavora nell’industria del risultato: vinci e molte cose saranno ignorate o dimenticate; perdi e ci si concentrerà sulle lacune, come se fosse inevitabile che sarebbe andata così. Ma essendoci spesi così tanto per aver visto l’Inghilterra arrivare fin qui, avrebbe poco criterio aspettarsi o chiedere un radicale cambio di rotta in vista del prossimo torneo".


Tags: roberto mancini jamie carragher euro 2020

Articoli Correlati