Sport E Vai  Sport e Vai
Mercoledì 27 Ottobre 2021
Scitec Nutrition - Integratori Scitec in offerta
SEGUI SPORTEVAI SU

Calciomercato Inter: Mazzarri rischia ancora, pesa il parere dei tifosi

07/04/2014 16:33

Calciomercato Inter: Mazzarri rischia ancora, pesa il parere dei tifosi |  Sport e Vai

C’è ancora un punto interrogativo nella casella di calciomercato dell’Inter legata alla panchina del prossimo anno. Mazzarri è stato pubblicamente e privatamente confermato da Thohir, che ha garantito al tecnico che rimarrà in sella ma l’impressione è che in realtà i giochi non siano fatti. L’allenatore di San Vincenzo si giocherà tutto in queste sei partite finali dove, oltre a conquistare l’Europa League considerata un trampolino fondamentale per la diffusione del marchio Inter in giro, dovrà anche lottare su altri due fronti. Deve dimostrare che la squadra è dalla sua parte, perché lo stesso labiale colto nella gara con il Bologna (l’ultima della striscia-horror con tre punti in quattro gare di cui 3 in casa) da parte di Mazzarri (“sembra che lo facciano apposta”) ha fatto risuonare un campanello d’allarme. E se non tutti remassero dalla parte giusta? Un sospetto pesante e per ora non suffragato da prove o fatti ma un dato è sicuro: da un certo punto della stagione in poi la squadra si è bloccata, palesando non solo un difetto di crescita ma una preoccupante involuzione. L’altra mission del tecnico, quella forse davvero decisiva, è quella di conquistare tifosi ed addetti ai lavori diventati nell’ultimo mese sempre più critici e polemici. La gente si sta disaffezionando al tecnico ed è l’aspetto che più preoccupa Thohir. Iniziare una nuova stagione sapendo che i tifosi non sono dalla parte di Mazzarri sarebbe un autogol clamoroso che il tycoon indonesiano non vuol commettere. All’inizio l’arrivo dell’ex tecnico del Napoli era stato salutato con favore dalla stragrande maggioranza del tifo nerazzurro, che aveva sostenuto Mazzarri con cori e striscioni anche nei momenti difficili ma ora qualcosa si è spezzato. Si sentono solo fischi ultimamente a San Siro e non ne è esente l’allenatore. Cosa si imputa a Mazzarri? Non aver valorizzato alcuni giocatori come Kovacic, non aver dato una vera anima alla squadra, non essere riuscito a trasmettere quella carica che è sempre stato il suo marchio di fabbrica, non aver saputo migliorare la rosa. Inizialmente i progressi di Jonathan e Alvarez avevano fatto gridare al miracolo, poi col passar delle giornate sono emersi problemi vecchi e nuovi. Campagnaro è parso un altro giocatore rispetto a quello che a Napoli era un leader assoluto ed ha presto perso il posto,  Guarin non si è più ripreso dalla vicenda di mercato di gennaio, Milito non è mai stato un valore aggiunto, Zanetti è stato messo nel dimenticatoio. La classifica parla chiaro: Mazzarri finora ha fatto gli stessi punti del criticatissimo Stramaccioni dello scorso anno con qualche sconfitta in meno e tanti pareggi in più. Non era quello che si aspettavano gli interisti dopo aver ingoiato solo bocconi amari l’anno scorso. Ora Thohir riflette: alla finestra c’è Mihajlovic, idolo indiscusso della curva, più che De Boer. E a Mazzarri restano sei gare per convincere tutti.

Stefano Grandi

 


Tags: mazzarri mihajlovic milito Zanetti calciomercato inter alvarez jonathan de boer kovacic thohir

Articoli Correlati