Sport E Vai  Sport e Vai
Venerdì 18 Giugno 2021
Scitec Nutrition - Integratori Scitec in offerta
SEGUI SPORTEVAI SU

Bakayoko rinfaccia approccio Gattuso: Parole illogiche su di me

05/03/2019 08:40

Bakayoko rinfaccia approccio Gattuso: Parole illogiche su di me |  Sport e Vai

Un pochino se le è legate al dito e ancora un po' gli bruciano. Quelle parole pesanti dette nei suoi confronti da Gattuso a inizio stagione l'hanno ferito e anche ora che Bakayoko è un intoccabile del tecnico del Milan, il centrocampista non ha dimenticato come sia stato umiliato a settembre. A France Football Bakayoko ammette: “Non ho apprezzato quelle dichiarazioni, e sia io sia le persone che mi stanno vicino le abbiamo prese male. Sono state illogiche. Ha rimesso in dubbio il mio calcio e quello che avevo imparato durante il mio periodo di formazione. Secondo lui avrei dovuto imparare a orientare e modificare la posizione del corpo. Ma lui è fatto così, è genuino, dice quello che pensa e vuole che gli si dicano le cose in faccia. Non è uno che porta rancore”. E' arrivato al Milan in prestito dal Chelsea e forse non se lo aspettava: "Credo che sia stata una cosa che sia arrivata da più in alto di Sarri. Il club ha deciso di intraprendere dei cambiamenti e io non facevo parte di questi piani. Sarri è arrivato e gli hanno detto quelle che erano le loro intenzioni. In più è arrivato un suo uomo come Jorginho. Una seconda stagione al Chelsea mi avrebbe permesso di giocarmi le mie carte, ma ho sentito il bisogno di cambiare aria. È stata una scelta importante, perché quella del Milan è la quarta maglia che cambio. A 24 anni è tanto. È stato Leonardo che mi ha contattato è se avessi dovuto lasciare il Chelsea, lo avrei fatto solo per il Milan, perché è stato un club che mi ha fatto sognare quando ero piccolo. Lo ringrazio sentitamente per avermi dato questa chance. Vedremo come andrà a finire la stagione, anche perché ho un contratto con il Chelsea, che è comunque un club molto importante per me ”. ”. E' stato decisivo avere anche Paolo Maldini al tavolo delle trattative: “Senza voler dire bugie, è stato straordinario. Lui e Leo sono due figure iconiche della società. Ma voi vi rendete conto della grandezza del club vedendoli arrivare. Io mi ricordo Maldini, con il suo numero 3 sulle spalle, con la fascia di capitano al braccio e i suoi capelli lunghi. Mi sembrava incredibile che mi parlasse”. Dopo aver rigettato il paragone con Marcel Desailly (“Per me, Desailly, era molto più difensivo. Non penso che ci siano delle somiglianze tra noi. Ma so anche che ha fatto grandi cose al Milan nel mio ruolo. Sono andato a vedere i video per curiosità. Mi lusinga essere comparato a lui”) Bakayoko aggiunge: "Quando mi si vede, si pensa che io sia un giocatore fisico, ma in realtà ho delle qualità tecniche. In fase di formazione, amavo saltare l’avversario dribblandolo. E non faccio dribbling così tanto per farli. Nel mio ruolo non è una peculiarità, ma questo mi permette di mettere in difficoltà gli avversari”.


Tags: milan gattuso bakayoko

Articoli Correlati