Sport E Vai  Sport e Vai
Mercoledì 8 Dicembre 2021
Scitec Nutrition - Integratori Scitec in offerta
SEGUI SPORTEVAI SU

Iniziamo la rubrica sulla LEC coi risultati della quarta settimana

07/07/2021 15:11

Iniziamo la rubrica sulla LEC coi risultati della quarta settimana |  Sport e Vai

Iniziamo oggi una rubrica sul campionato europeo di League of Legends, ovvero LEC, e lo facciamo con un resoconto sulla settimana appena passata.
Con la quarta settimana si chiude il girone di andata. Tutte le squadre si sono scontrate almeno una volta e abbiamo già modo di fare delle considerazioni sulla classifica, sebbene ancora parziale. Vediamo assieme come sono andati i team di LEC in queste due partite.

Astralis

Gli Astralis si confermano una mina vagante nel torneo: non sai mai cosa potrebbero tirare fuori dal cilindro e come potrebbero approcciare il game. Sono arrivati a questa settimana in losing streak di ben 5 partite, nonostante avessero cominciato il torneo con un buon 2-0 nelle prime due giornate. Ad attenderli c’erano lo Schalke 04 e i Vitality, due compagini che, sulla carta, avrebbero dovuto trovare una comoda vittoria. E invece no. Gli Astralis, guidati da uno Zanzarah e un Whiteknight in grande spolvero, prima vincono un game molto combattuto con lo Schalke e poi si portano a casa un punto d’oro contro dei Vitality mai realmente in partita. Quinto posto per loro, a pari merito con G2, Vitality ed Excel.

Excel

Altro team che alterna prestazioni buone ad altre decisamente discutibili e che è arrivato a questa settimana in losing streak di 3 game. Per di più con due cambi all’interno del roster, direttamente dalla formazione academy dei BT Excel: fuori Denyk e Dan e dentro Advienne e Markoon come nuovi support e jungler. Si è trattato di una mossa disperata, figlia di prestazioni individuali e di team davvero scarse, ma che ha dato i suoi frutti. I due nuovi innesti hanno ridato linfa al team, che si è portato a casa due vittorie per certi versi clamorose. Sono arrivate, infatti, contro squadre sulla carta più forti, ma che si sono letteralmente sciolte come neve al sole di fronte a questi rinnovati XL. Nuckeduck in mid ha fatto vedere cose fantastiche, soprattutto nel game contro i G2 e Markoon ha dominato la giungla. Sebbene non sia stato uno stomp come quello del game precedente, anche il secondo, contro i Vitality, è stato una discreta prova di forza da parte del team inglese, che ora si trova nel gruppone al quinto posto con gli stessi Vitality, i G2 e gli Astralis.

Schalke 04

Settimana dolceamara per il team tedesco, nel pieno di una bufera per la vendita del proprio slot in LEC in favore del Team BDS. BrokenBlade, Nuclearint e compagni, però, sono riusciti a restare concentrati e, nel primo game della settimana, hanno trovato una importantissima vittoria ai danni dei Fnatic. Game pulito e convincente, soprattutto in fase di draft, a differenza del secondo, contro gli Astralis. Qui, lo Schalke ha mostrato qualche debolezza di troppo, sfruttate dal team avversario. Sulla toplane, in particolare, Whiteknight ha fatto ciò che ha voluto di Brokenblade, pilotando un Lee Sin da applausi. Nulla di irreparabile, certo, ma che mostra uno stato di forma ancora lontano da quello fatto vedere in chiusura dello scorso split, soprattutto ai playoff. Nono posto per loro, ma ancora margini per lottare per i playoff.

Fnatic

Settimana da una vittoria e una sconfitta anche per il team in arancio e nero, la cui winning streak di ben 5 game si chiude contro lo Schalke. Prestazione poco convincente soprattutto da parte di Nisqy con Akali: avulso dalla manovra di squadra, poco concentrato e pesantemente counterato da Nuclearint con Twisted Fate. Totalmente diverso il secondo game, contro gli SK Gaming. Certo, l’avversario non era dei più forti, tutt’altro, ma in questo game i Fnatic si sono dimostrati padroni del gioco, sicuri nelle proprie scelte e nelle rotazioni e molto più puliti in fase di draft, riuscendo a mettere dalla loro diversi power pick come Gwen, Viego e il Pyke di Hylissang. Il team guidato da Yamatocannon si posiziona, in questo modo, al terzo posto in solitaria, ad un solo punto dalla vetta.

G2 Esports

G2 in totale caduta libera: dopo essersi portati sul 4-1 nelle prime due settimane, hanno inanellato 4 sconfitte di fila, mostrando problemi evidenti: mancanza di coordinazione, problemi in fase di draft, pessime scelte in partita. Crollano in questo modo al quinto posto, nel gruppone a pari merito con Astralis, Vitality ed Excel. Nel primo game, quello contro gli XL, si sono viste nitidamente tutte queste lacune: nonostante la fase di draft fosse andata a favore dei G2, gli XL li hanno dominati su tutti i fronti, impostando un piano di battaglia ben preciso: camperare Caps e non farlo giocare. Una volta che il vantaggio monetario si è fatto troppo grande, gli XL hanno semplicemente chiuso il game. Discorso leggermente diverso, ma non meno preoccupante, per il secondo game, quello contro i Misfits. Nel pre partita sembrava non esserci storia, dato l’assoluto stato di forma mostrato di “coniglietti mannari”. In game, però, i G2 si sono dimostrati apparentemente molto più solidi del solito, portando dalla loro un buon vantaggio monetario e l’Anima del Drago della montagna Anche la draft è stata molto intelligente, scegliendo Mundo per toplane contro un team con insufficienti controlli per tenerlo a bada. Tutto, però, è stato buttato al vento da una singola scelta sbagliata: fightare appena dopo la conquista del Buff del Drago Maggiore da parte dei Misfits. Fight, ovviamente, vinto dagli avversari che poi sono andati a chiusura.

Mad Lions

I “Leoni di Madrid” si sono trovati ad affrontare una settimana davvero tosta, avendo in programma una partita contro i primi e i secondi della classifica, ovvero Misfits e Rogue. Sono stati entrambi game combattuti, ma con esiti diversi: il primo ha visto i Mad trionfare sui Misfits, mentre il secondo li ha visti soccombere a favore dei Rogue. Il secondo, in particolare, ha mostrato un Kaiser e un Armut un po’ fuori forma e “off tempo” rispetto agli altri compagni. Quello contro i Misfits, invece, ci ha regalato un Elyoya in jungla davvero in palla e un Carzzy letteralmente fuori di testa, con uno spettacolare 12/0/8 a fine partita. I MAD si piazzano, così, in solitaria al quarto posto, frutto di 5 vittorie e 4 sconfitte fino ad ora.

Misfits Gaming

Settimana non facile per i coniglietti francesi, nonostante si sia chiusa con una vittoria e una sconfitta. Il problema sta in come sono arrivati questi risultati: la sconfitta è maturata dopo un game assolutamente dominato da parte dei Mad Lions, coi Misfits sconfitti su tutti i fronti. La vittoria, invece, è arrivata più per un errore di macro game da parte degli avversari, in questo caso i G2, più che per reali meriti dei Misfits, che invece il game lo stavano largamente perdendo. Si tratta di una settimana da cui il team e lo staff dovranno tirar fuori il meglio per crescere ancora, perché i presupposti per chiudere la stagione regolare alla grande ci sono ancora tutti, come anche il primo posto, in coabitazione con i Rogue.

Rogue

Ottima settimana per i Rogue, che guadagnano la testa della classifica, a pari merito con i Misfits, battendo prima gli SK Gaming e poi i Mad Lions. Partita stradominata, quella contro gli SK, come da pronostico, in cui i Rogue hanno travolto i loro avversari. Più combattuta quella contro i Mad ma, complici le non brillanti prestazioni di Armut e di Kaiser, i Rogue sono riusciti a trovare il successo. Strepitoso Hans sama, che chiude la settimana con un kda totale di 23, frutto di 8 kill, 15 assist e una sola morte.

SK Gaming

Altra settimana 0-2 per gli SK, che ancora non riescono a trovare una quadra nonostante la prima vittoria nel torneo ottenuta la scorsa settimana. L’ennesimo cambio di roster (fuori Jesiz, che torna nel coaching staff e dentro Lilipp dall’Academy) non porta i frutti sperati. Complice un calendario decisamente poco amico che li porta a scontrarsi con Fnatic e Rogue, gli SK si trovano a fare da fanalino di coda della classifica, con 1 vittoria e ben 8 sconfitte. Riguardo ai game di questa settimana c’è poco da dire: sono stati due veri e propri massacri. Gli SK sono stati smantellati dai Fnatic prima e dai Rogue poi e sembrano solo un lontano ricordo del team che nello scorso split è riuscito a qualificarsi ai playoff (nonostante l’immediata eliminazione per mano proprio dei Fnatic).

Team Vitality

Chiudiamo questa settimana parlando del “team dei cattivoni”, come loro stessi si sono definiti ad inizio split. Bene, i “cattivoni” chiudono il girone di andata con un secco 0-2 che li fa sprofondare nella palude del quinto posto, in coabitazione con G2, Astralis ed Excel. Entrambi i game, il primo contro gli Astralis e il secondo contro gli XL, sono sembrati uno la fotocopia dell’altro: errori meccanici in partita e brutte scelte in draft. Nel primo game, le “api francesi” si sono schiantate contro la Akali di Magifelix e il Renekton di Whiteknight, che hanno fatto a fette i Lucian di Lider e, soprattutto, il Gangplank di SLT, vero anello debole della draft dei Vitality. Nel secondo, invece, la composizione in toto degli XL ha surclassato quella dei Vitality, dimostrando una superiorità schiacciante. C’è ancora molto da lavorare per Lider, Selfmade e compagni, se vorranno diventare una serie contender per il titolo finale.

 

La classifica appare decisamente aperta e “sorprendente”. I Team in testa stanno dimostrando una solidità di gioco e di squadra davvero grande e, soprattutto, ci stanno mostrando notevoli miglioramenti rispetto allo scorso split. I Fnatic, ma soprattutto i Misfits, sembrano due team totalmente diversi. E se per i Fnatic potevamo “aspettarcelo” data la rivoluzione che il roster ha subito (inserimento di Adam in toplane e spostamento di Bwipo in jungla), quelli che davvero rapiscono lo sguardo sono i Misfits. Stesso identico roster dello scorso split ma risultato decisamente migliore. Vetheo e Hirit si stanno dimostrando due giovani da tenere davvero sott’occhio.
Sorprendono anche i team a mezza classifica, sia per il gruppone di quattro team a pari merito, sia per la presenza tra di loro dei G2 e dei Vitality, due team partiti con le stimmate di concreti contender per la vittoria finale, in particolar modo i primi. Chiudono la classifica degli SK in totale caduta libera e che ancora faticano a trovare la quadratura del cerchio. Il girone di ritorno ci dirà quali team avranno accesso ai playoff e, senza dubbio, ci offrirà partite davvero interessanti dato il rimescolarsi degli incontri (non sarà speculare col girone di andata) e data la nuova metodologia di accesso alla fase finale, calcolata sulla base dei risultati combinati di spring e summer split. Non vediamo l’ora di commentare le prossime partite e le varie notizie con voi, ancora qui sulle nostre pagine.


Tags: lol esports LEC League of Legends

Articoli Correlati